Violenza

8 marzo, ma non per una giovane picchiata a Marassi dal suo compagno ubriaco: è stato denunciato

E' successo nella notte, ad avvertire la polizia i medici che hanno soccorso la ragazza, finita all'ospedale con il naso rotto

Genova. E’ tornato a casa nel cuore della notte ubriaco e, come spesso era già accaduto, ha cominciato ad aggredire verbalmente la compagna, insultandola pesantemente. Le altre volte, alla giovane, era stato sufficiente lasciarlo da solo e fargli smaltire la sbornia, ieri notte però l’uomo, un 34enne ecuadoriano, ha oltrepassato il limite e le ha sferrato un violento pugno al viso tanto forte che è dovuto ricorrere alle cure dei medici dell’ospedale Galliera.

Allertati dal personale sanitario, i poliziotti dell’ufficio prevenzione generale sono intervenuti presso il nosocomio e hanno ascoltato il racconto della ragazza invitandola a riflettere sulla gravità dei fatti subiti.

Lei, dopo essere stata dimessa con una prognosi di 7 giorni, si è recata in questura per sporgere querela, manifestando la volontà di lasciare l’appartamento condiviso con l’uomo e contestualmente il timore di ritorsioni nel rientrarvi per recuperare gli effetti personali.

Gli agenti hanno compreso l’effettivo rischio che la stessa poteva correre se sola in quel frangente e hanno pertanto deciso di accompagnarla. All’interno era presente l’uomo, un ecuadoriano di 34 anni, che a fatica si è svegliato per aprire la porta e che, solo alla vista delle divise, si è convinto a non opporre resistenza all’allontanamento della donna. I poliziotti lo hanno denunciato per il reato di lesioni informandolo sulle conseguenze derivanti da eventuali comportamenti vessatori.