Traffico

Via Roma con parcheggi e scarico merci, il Comune rallenta. Balleari: “Partirà dibattito pubblico”

Saranno ascoltati cittadini e commercianti per arrivare a soluzione condivisa

Via Roma a Genova

Genova. Un dibattito pubblico con residenti e commercianti ma anche con sovrintendenza e Amt per arrivare a una soluzione condivisa sul riordino di via Roma e sulla possibile introduzione del sistema di parcheggio a pagamento.

Lo ha annunciato in consiglio comunale l’assessore alla Mobilità Stefano Balleari rispondendo alle interrogazioni a risposta immediata di Francesco De Benedictis (Direzione Italia – Lista Musso) e Pietro Salemi (Lista Crivello).

Entrambi hanno sottolineato come la creazione di parcheggi Isola Azzurra al pomeriggio e di aree scarico merci al mattino, sacrificando quindi una corsia di marcia, rischino di deturpare l’estetica della strada considerata la “via Montenapoleone” di Genova.

“Ho già discusso con sovrintendenza e con Amt ed entrambi i soggetti si sono detti favorevoli – ha spiegato Balleari – inizialmente lo hanno fatto anche i negozianti e i cittadini che abitano in via Roma, tuttavia utilizzeremo un sistema di dibattito pubblico più approfondito, fermo restando la necessità di riordinare la strada e renderla sicura perché oggi, di fatto, le auto sono già parcheggiate e ci sono furgoni che scaricano a ogni ora”.

leggi anche
corvetto via roma
Viabilità
Strisce pedonali a Corvetto e parcheggi in via Roma: cambia l’accessibilità nel cuore di Genova

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.