La replica

Terzo valico, Salvatore (M5S): “Opera inutile, anche i dati di Rixi ci danno ragione”

Genova. “Se, come sostiene anche Rixi, in Europa i tempi di sdoganamento e controlli consentono ai container di transitare dopo una giacenza di soli 2/3 giorni, mentre nel porto di Genova restano fermi invece per ben 6/7 giorni, allora è da incapaci spreconi pensare di risolvere il problema con una grande opera da 6 miliardi di euro che potrà forse essere completata dopo decine di anni di lavori. Già perché tale inutile opera consentirebbe di risparmiare di soli 45 minuti sul conferimento delle merci da Genova a Tortona. Le merci, infatti, rimarrebbero comunque ferme in porto a Genova per il doppio dei giorni rispetto ai grandi porti d’Europa con i quali si vorrebbe competere “grazie” al Terzo Valico. Stanno sbagliando tutto e lo diciamo da sempre”. Così Alice Salvatore, portavoce del MoVimento 5 Stelle Liguria, replica a Edoardo Rixi (Lega) sul tema porto e terzo valico sollevato dal candidato premier Luigi Di Maio nella sua visita a Genova.

“Per risolvere il problema – prosegue Salvatore – bisogna invece operare in modo da ottenere uniformità sulle tempistiche e sulle regole dei controlli in tutti gli stati membri della UE, è questo il vero problema che affossa i nostri porti: vanno eliminate queste concorrenze sleali in fatto di rapidità che ad altri paesi consentono rapide pratiche burocratiche di sdoganamento e controlli, al contrario di quanto avviene nel nostro paese. Il MoVimento 5 Stelle sta già lavorando in tal senso: la nostra europarlamentare Tiziana Beghin è riuscita a far approvare in Parlamento Europeo una risoluzione per ottenere tale uniformità. Se devo recuperare 3 o 4 giorni di ritardo, non vado a spendere un capitale che mi fa risparmiarne solo 45 minuti. È una questione di buon senso e di capacità nell’individuare i veri problemi e saper proporre soluzioni adeguate. Questo significa governare.”

leggi anche
  • L'attacco
    Terzo Valico, Alice Salvatore: “Possiamo ancora fermare lo scempio e intervenire su altre linee”