Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Sì all’accoglienza, no al razzismo”: venerdì 9 febbraio studenti in piazza

Nelle stesse ore, sul percorso del corteo potrebbe arrivare Matteo Salvini, in visita ai banchetti per la campagna elettorale

Più informazioni su

Genova. “Sì all’accoglienza, no al razzismo”. Con questo slogan marceranno venerdì mattina le scuole genovesi. Il corteo è organizzato da diversi istituti superiori (Barabino, Pertini, Gobetti e Fermi che sono i promotori a cui si sono aggiunti il Klee di salita delle Battistine, il Klee di Quarto, l’Odero, il liceo Deledda, il Colombo, il Mazzini, il Marco Polo e il nautico San Giorgio) insieme ai comitati internazionalisti che hanno indetto la campagna nazionale ‘Giù le mani dal mio amico’.

Da quanto accaduto a Genova con la vicenda di Multedo, agli episodi di razzismo in tutta Europa ai gravissimi e recentissimi fatti di Macerata, dalla guerra in Libia ai silenzi per i tanti morti sui barconi: è a partir da questi dati che le scuole genovesi hanno deciso di mobilitarsi: “Di fronte a ogni forma di razzismo e xenofobia la sola risposta possibile è oggi più che mai quella internazionalista – si legge nel volantino che sarà diffuso in questi giorni e portato in manifestazione – perché razzismo significa ignoranza, chiusura, intolleranza: tutto ciò che di peggio è stato prodotto dalla storia”

“Non c’è confine, muro o barriera che tenga. Serve unione tra studenti al di là di ogni nazionalità, lingua, religione ed etnia” conclude il comunicato.

La partenza del corteo è prevista alle 9.30 da piazza Raibetta e percorrerà via San Lorenzo e le vie del centro.

Il corteo fra l’altro dovrebbe attraversare via XX Settembre, dove è presente un banchetto della Lega Nord in vista delle elezioni e dove proprio venerdì mattina dovrebbe arrivare Matteo Salvini.