Rinascente, dal consiglio comunale spunta l'ipotesi di un gruppo cinese e di un centro sportivo - Genova 24
Commercio

Rinascente, dal consiglio comunale spunta l’ipotesi di un gruppo cinese e di un centro sportivo

Ne ha parlato Ubaldo Santi, consigliere comunale di Vince Genova: "Amministrazione sta gestendo la situazione con piani per il riassorbimento dei dipendenti?"

Genova. Tra le ipotesi per il futuro di Rinascente a Genova si fa strada quella dell’interesse di un gruppo cinese interessato ad aprire, nei grandi magazzini destinati a chiudere a fine 2018, un centro sportivo. A parlare della voce, raccolta in ambiti commerciali internazionali, è stato il consigliere Ubaldo Santi (Vince Genova) che ha presentato, in consiglio comunale, un’interrogazione a risposta immediata.

Santi ha chiesto alla giunta se si stia muovendo per tempo per capire chi arriverà a gestire quegli spazi e se esistano piani di riassorbimento per i dipendenti (60 diretti più altrettanti tra indotto e stand dei marchi ospitati da Rinascente). “L’impressione – dice Santi – è che non si stiano vagliando tutte le possibilità che il mercato offre, ci sono centri direzionali che potrebbero insediarsi in via XII Ottobre creando opportunità adatte a quella struttura”.

Paola Bordilli, assessore al Commercio, ha affermato: “L’amministrazione non sa nulla in merito a gruppi cinesi, ma abbiamo raccolto altre manifestazione di interesse embrionali da parte di alcune imprese”.

Da Ubaldo Santi anche una frecciata alla giunta: “Avrei voluto discutere dell’argomento anche con l’assessore allo Sviluppo economico Vinacci ma non era presente, oggi come spesso”. Una critica non da poco, tanto più che arriva da un esponente della maggioranza.

leggi anche
Saldi
Continua la trattativa
Rinascente, sciopero rinviato per influenza ma i sindacati confermano la linea dura
sciopero rinascente
La decisione
Rinascente, confermata la chiusura: a Genova è sciopero
la rinascente
Lavoro
Rinascente, fumata nera: l’azienda non torna indietro. Genova unica chiusura della catena
Bruco, il degrado del fratello minore
Screzi
Frecciate e storcimenti di naso in maggioranza a Tursi: già finita la luna di miele?