Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Paita: “Di Maio vuole penalizzare Genova e la Liguria, Terzo Valico e porti non si toccano”

Pd contro M5S dopo l'intervento del candidato premier dei grillini nel capoluogo ligure

Genova. Polemica politica dopo l’intervento a Genova del candidato premier del M5S Luigi Di Maio sulle grandi opere.  “Di Maio ha dichiarato che se governerà il Paese sospenderà i lavori del terzo valico, lascerà i lavori a metà e pagherà enormi penali – scrive su Facebook Raffaella Paita, capogruppo del Partito democratico in Regione Liguria e candidata del Pd – Complimenti! Un bel biglietto da visita per una città (e per l’intera Regione) che vive da secoli grazie al suo porto. E mentre noi parliamo già di concludere i lavori tra Tortona e Milano, lui ci vuole condannare all’isolamento”.

Paita aggiunge: “Non è solo una questione di tempi di percorrenza (quella conta per i passeggeri, non per le merci), ma di acclività e di numeri di container trasportabili per treno. La Svizzera è il vero esempio di sostenibilità. Inoltre Di Maio dimostra di non essere aggiornato sui porti: chieda agli operatori, saranno loro a spiegargli gli enormi passi avanti delle dogane. Ormai esiste addirittura il pre-clearing”.

La capogruppo del Pd in Regione aggiunge: “Fortunatamente siamo un Paese esportatore e la presenza di una percentuale (limitata) di contenitori vuoti è fondamentale per il ciclo logistico di un porto. Stupisce che queste affermazioni le stia facendo solo a Genova e non a Trieste o a Napoli o in Sicilia, dove invece sostiene altre impostazioni. A questo punto è legittimo il sospetto che ci voglia penalizzare in favore di altre realtà, con la compiacenza dei grillini liguri”.