Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Opere pubbliche, la giunta Bucci annuncia progetti per 53 milioni. Si parte dall’ex mercato di Corso Sardegna

Nel piano anche il secondo lotto della piscina di Voltri, la stazione di Pra', la copertura della piscina di Pra', la passeggiata di Pegli, interventi a Sampierdarena e nella via principale di Cornigliano, in viale Canepa a Sestri e in Galleria Mazzini

GENOVA. Presentato il nuovo piano triennale di lavori pubblici varato dalla giunta Bucci. L’assessore comunale ai Lavori pubblici Paolo Fanghella ha annunciato che il Comune di Genova nel 2018 raddoppiera’ gli investimenti in lavori pubblici e manutenzioni rispetto a quelli effettuati dalla giunta Doria nel 2017. “Le opere pubbliche comunali nel 2017 sono stati 25 milioni di euro di opere, nel 2018 vogliamo portarli a 53 milioni – dice Fanghella – Per fare un salto qualitativo, dare un impulso forte per far diventare la citta’ bella e con tante gru”. Ai 53 milioni di euro, di cui 40 di mutuo, previsti 15 milioni attraverso un finanziamento della Regione Liguria.

A breve partira’ la gara per riqualificare l’ex mercato di Corso Sardegna (foto) dove sorgera’ un’area verde di 6.700 metri quadrati. Previsto un piano di interventi diffusi di manutenzioni su tutti i Municipi, grossi investimenti su Nervi in vista di Euroflora con 2 milioni comunali per i Parchi, a cui si aggiungera’ un milione e mezzo proveniente dalla Regione, la riqualificazione del porticciolo di Nervi e il trasloco della piscina di Nervi.

Nel piano anche il secondo lotto della piscina di Voltri, la stazione di Pra’, la copertura della piscina di Pra’, la passeggiata di Pegli, numerosi interventi a Sampierdarena e nella via principale di Cornigliano, in viale Canepa a Sestri e in Galleria Mazzini (sono stati stanziati 7 milioni nel bilancio triennale per farla tornare all’antico splendore). Previsto inoltre il rifacimento delle aiuole a centro strada in viale Brigata Bisagno a partire dalla Foce fino a Brignole. ”Voglio ridurre la burocrazia e i tempi delle pratiche amministrative per far partire tutti i cantieri nel 2018”, dice l’assessore.