Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mirco e Roberto, gli “angeli” della Fiumara: “Così abbiamo soccorso il neonato in arresto cardiaco” foto

Il racconto dei giovani Mirco Lobue di Rivarolo e Roberto Devincenti di Pra': "Era cianotico, non respirava più: fondamentali il nostro defribillatore anche per uso pediatrico e l'intervento del rianimatore del Gaslini fuori servizio"

Genova. “I nostri operatori Mirco e Roberto erano felicissimi, ma tremavano per la tensione, quando sono arrivati in sede dopo aver salvato quel neonato alla Fiumara assieme al rianimatore del Gaslini fuori servizio e ai medici del 118 Genova Soccorso. Hanno raccontato che il bimbo era cianotico, non respirava, i medici avevano tentato quattro volte di intubarlo”.

Così Franco Barbi, vicepresidente dei Volontari del Soccorso Fiumara, rivive emozionato il drammatico salvataggio del bimbo di un mese e mezzo alla Fiumara dove ancora una volta in primo piano, oltre all’intervento del rianimatore fuori servizio e del personale medico del 118 e del 112, va evidenziata l’opera di tanti operatori, militi e volontari che ogni giorno operano a Genova.

I giovani ventenni Mirco Lobue (nella foto, caposquadra) di Rivarolo, 23 anni, e Roberto Devincenti di Prà, 25 anni, sono due operatori che erano in servizio con la pubblica assistenza dei Volontari Soccorso Fiumara, tra i protagonisti del salvataggio del neonato ricoverato in prognosi riservata al Gaslini.

“Sono stati minuti incredibili, siamo arrivati prima io e Mirco con il defribillatore, poi per fortuna, come una manna dal cielo, è intervenuto il medico rianimatore del Gaslini che era fuori servizio ma si trovava alla Fiumara, poi è arrivata l’automedica, una scarica dopo l’altra e il cuore è ripreso a battere: un’emozione fortissima”, racconta Roberto Devincenti, autista dei Volontari Soccorso Fiumara.

“Fondamentale stato anche il nostro defribillatore che può essere adattato ad uso pediatrico – prosegue Barbi – Per fortuna c’era il medico rianimatore del Gaslini fuori servizio che si trovava al centro commerciale. E’ stato un salvataggio davvero drammatico, abbiamo festeggiato Mirco e Roberto in sede dopo l’intervento, sono stati davvero bravi”.