Prima categoria girone c

L’Isolese supera il Ravecca e prova a scapparerisultati

La Caperanese è costretta sull'1-1 dalla Vecchiaudace e vede i biancoverdi fuggire a +4. In coda il Prato sfiora la vittoria. Volano Sampierdarenese, San Gottardo e Varazze

Giornata importante per la Prima categoria, girone C la ventesima che vede l’Isolese mettere nuovamente la testa avanti in classifica, piazzando un gap più netto fra sé e la Caperanese, rivale stagionale dei biancoverdi.

Contro il Ravecca gli isolesi scendono in campo con la leggerezza della prima che affronta l’ultima della classe, andando a rischiare molto più di quanto preventivabile alla vigilia. Infatti dopo un avvio di gara molto equilibrato, i biancoverdi passano in vantaggio con Amirante che si dimostra implacabile anche su calcio di punizione.

Si va al secondo tempo che riserva più di un’emozione ai tifosi accorsi allo stadio. I locali rientrano in campo con il coltello fra i denti e dopo dieci minuti Vecchietti la rimette in gioco con il gol dell’1-1. L’Isolese patisce inizialmente il momento buono dei padroni di casa, ma poi torna l’equilibrio finché al 75° Dassereto trova la via del gol ed ha dell’incredibile il vantaggio del Ravecca che fa sognare i suoi tifosi.

Tanto incredibile che effettivamente non dura a lungo perché la reazione dell’Isolese a questo punto è rabbiosa e, complice l’infortunio di Papatola, estremo difensore dei locali, il Ravecca viene travolto dalla capolista. Infatti in porta al posto del numero uno non va un altro portiere, bensì Semeraro, giocatore di movimento, dato che non c’è un portiere di riserva nei biancorossi.

Così in meno di dieci minuti cambia tutto. Al 77° Migliaccio pareggia e due minuti dopo Amirante sigla la doppietta che riporta avanti l’Isolese. Nel finale arriva anche la doppietta di Leto implacabile da fermo, prima su rigore e poi su punizione. Finisce 2-5 per l’Isolese, ma il Ravecca paga anche una buona dose di sfortuna.

Nel frattempo la Caperanese era impegnata a Campomorone contro la Vecchiaudace, squadra che lotta per un posto ai playoff in una vera bagarre che vede 6 squadre in tre punti per altrettanti posti a disposizione. I chiavaresi, però dopo la gara dell’ultimo turno devono guardarsi le spalle. Contro i biancoblù arriva un 1-1 che denota un momento di grande difficoltà del reparto avanzato verdeblù. Caperanese che va sotto al 30° su rigore di Draghici e trova il pari grazie ad una sfortunata deviazione di Pittaluga nella propria porta.

Con il mezzo passo falso della formazione di Chiavari, le pretendenti ad un posto ai playoff si fanno sotto. Su tutte il San Gottardo fa doppia festa grazie alla vittoria netta nel derby contro il Cà de Rissi e alla posizione di classifica che vede i biancorossi a -2 dal secondo posto.

La gara si decide sostanzialmente nel primo tempo con il San Gottardo che non dà neanche il tempo di respirare agli avversari e passa in vantaggio al 2° con Carra. Il Cà de Rissi patisce il colpo e al 9° subisce il raddoppio di Favali. Passano altri cinque minuti e il numero 11 raddoppia in contropiede, anche se i locali lamentano un presunto fuorigioco. Sullo 0-3 gli ospiti amministrano e subiscono gol solamente su punizione al 53° con Cavallaro. Il resto della ripresa vede il Cà all’attacco, ma gli ospiti non devono far fatica per amministrare un punteggio che nel finale si “arrotonda” con la rete di Prestanizzi per il definitivo 1-4.

A ridosso del trio di testa non mollano Bogliasco e Varazze autrici entrambe di vittorie nitide che documentano l’ottima forma delle due formazioni. I biancorossi espugnano Voltri in una partita che fatica a decollare e occorre attende il secondo tempo per divertirsi, ma quando la gara si sblocca, ne escono 45’ tutt’altro che noiosi.

La gara la decide in sostanza Crosetti, autore di una tripletta che inizia al 49°, trova il bis al 53° e si completa al 60°. Poi tocca a Malinconico infilare Bruzzone con il quarto gol che chiude la gara. I voltresi hanno poi un impeto d’orgoglio e al 79° Reina segna il gol della bandiera. Poi all’85° Machado accorcia ulteriormente le distanze con il Bogliasco mentalmente già sotto la doccia. Nonostante il forcing finale, il Voltri non riesce a colmare il gap e paga venti minuti sciagurati del secondo tempo.

Vola anche il Varazze che è sempre più protagonista del campionato dopo una risalita quasi epica non ancora conclusa. A ponente arriva il Begato penultimo e alla disperata ricerca di punti. Bellomo e compagni, però devono rassegnarsi perché contro i nerazzurri non c’è scampo. I padroni di casa impiegano appena due minuti per sblccarla con Gagliardi. Al 5° è già 2-0 con Baroni.

I varazzini controllano la gara dando l’impressione di fare sostanzialmente quel che vogliono e infatti al 24° cala il sipario con la rete di Rampini per il 3-0. Nel secondo tempo arriverà il poker firmato Ferretti. Troppo Varazze per un Begato che deve cercare altrove i punti per sperare almeno nei playout.

Resta fuori dalla zona playoff, ma pronta a entrarvi, la Sampierdarenese che “passeggia” su una Stella Sestrese in chiaro affanno. I verdiblù hanno infatti raccolto solo 4 punti nelle ultime cinque uscite. Senza dubbio il momento peggiore fin qui è proprio la partita giocata contro i lupi, che infliggono la sconfitta più larga del campionato a Casu e compagni.

Gli ospiti impiegano dieci minuti per bucare la difesa sestrese: cross al centro e Rossi anticipa tutti ed è 0-1. Al 37° l’arbitro assegna un rigore ai biancorossoneri, vibranti proteste della Stella, ma nulla da fare. Dal dischetto Rossi sigla la doppietta. Al 48° poi Tedeschi sigla la terza rete che chiude virtualmente i conti. In realtà per i verdiblù non è ancora finita perché arriveranno i gol di Messina al 57° e di Rebecchi al 70°. Gara chiusa e Sampierdarenese che vola.

Pareggio importante per il Prato contro la Calvarese che si salva solo in zona Cesarini da una sconfitta. I rossoneri giocano una bella gara e avrebbero probabilmente meritato la vittoria, ma il calcio è beffardo e dopo tante occasioni per chiuderla, ecco che arriva il pareggio che brucia moltissimo anche visto che tutte le altre rivali per la salvezza sono andate ko.

L’avvio non è dei migliori per i rossoneri che al 4° vanno sotto su gol di Benati che da due passi non può sbagliare. Al 39° Tabiolati rimette in gioco tutto con un tiro che si infila alle spalle di Paci e impatta il parziale. Si va alla ripresa che i locali giocano all’attacco mettendo in continua difficoltà la squadra ospite. Della Giovanna prima e Serpe dopo non riescono ad essere abbastanza precisi. All’80°, però Serpe trova il varco giusto per il 2-1. A pochi secondi dalla fine, però ecco la beffa. La palla arriva a Rametta che senza pensarci troppo la scaraventa in porta per il definitivo 2-2. Certo non può dirsi felice il Prato, ma arriva comunque un punto che fa classifica.

Infine un gol di Trucco al 75° consente al Via dell’Acciaio di poter battere lo Sciarborasca e continuare ad inseguire il sogno playoff.