Business

Liguria, boom export in Russia: +51,4% nei primi 9 mesi 2017

La volata e' trainata dal manifatturiero e in particolare dall'incremento registrato nel settore dei macchinari

GENOVA – Nei primi nove mesi del 2017 l’export ligure verso la Federazione Russa e’ aumentato del 51,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, attestandosi a quota 96 milioni di euro. Sono i dati Istat elaborati dall’associazione Conoscere Eurasia presentati stamani a Genova al secondo seminario italo-russo organizzato da Regione Liguria, Consolato russo a Genova, Roscongress e Forum economico internazionale di San Pietroburgo.

“L’impennata dell’export ligure verso la Russia conferma l’inversione di tendenza in atto in tutto il Paese. – commenta il presidente di Banca Intesa Russia e di Conoscere Eurasia Antonio Fallico – Gli imprenditori hanno avuto il coraggio di andare oltre la politica, affermando la strategicita’ di un mercato e di un Paese come la Russia, seppure in un contesto ancora di crisi e di sanzioni. La diplomazia del business e delle Regioni e’ la vera protagonista della ripresa del dialogo e delle relazioni economiche tra i due Paesi”.

La volata e’ trainata dal manifatturiero e in particolare dall’incremento registrato nel settore dei macchinari, che da solo pesa per quasi 61 milioni di euro sul complessivo registrato nei primi 3 trimestri del 2017 (+81%). “Ma il brand Liguria puo’ esprimere di piu’ – ha proseguito il presidente di Banca Intesa Russia e di Conoscere Eurasia. Tecnologia avanzata, meccanica di precisione, cantieristica e anche turismo sono i settori ad altissimo tasso di crescita potenziale in grado di rispondere ad una domanda russa sempre piu’ specializzata”.