Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Giù le mani dal mio amico”: oltre un migliaio di studenti genovesi in piazza contro il razzismo fotogallery

Striscioni e slogan: "Genova è solo antirazzista" e "Nessuno studente è straniero, la nostra casa è il mondo intero"

Genova. “Genova è solo antirazzista” e “Nessuno studente è straniero, la nostra casa è il mondo intero”: sono alcuni degli slogan con cui questa mattina stanno sfilando tantissimi studenti, un migliaio secondo le prime stime, nelle vie della città. La manifestazione è promossa dai comitati internazionalisti insieme ai collettivi di diverse scuole genovesi.

Corteo antirazzista degli studenti

Il corteo marcia dietro lo striscione principale “Giù le mani dal mio amico”. Diversi i cartelli con riferimento alla vicenda su Multedo dove l’arrivo di alcuni migranti ospitati in un ex asilo aveva provocato polemiche e proteste di piazza. “Dai fatti di Multedo all’episodio gravissimo di Macerata – racconta Silvia del Klee-Barabino – sono argomenti che affrontiamo nelle assemblee e che generano molto sdegno tra gli studenti”.

Il corteo è sfilato in via San Lorenzo, via XX Settembre e Piazza Dante per concludersi in piazza Matteotti. Accanto agli studenti anche diversi sindacalisti e lavoratori iscritti alla Fiom che insieme alla Cgil ha dato suo sostegno al corteo: “Gli stranieri per noi sono quelli che lavorano nei nostri cantieri, vanno a scuola con i nostri figli e assistono i nostri famigliari – dice il segretario genovese della Fiom Bruno Manganaro – e quindi per noi l’accoglienza è un tema centrale”.

“In un modo dove si continuano ad aprire covi fascisti – ha detto un altro studente al megafono al termine della manifestazione – e dove si protesta per l’accoglienza noi siamo qui per dimostrare che contro l’indifferenza  possiamo fare la differenza. E questa manifestazione è il punto di inizio”.