Nuoto in acque libere

Edoardo Stochino: straordinario argento alla Santa Fè-Coronda

Al nuotatore chiavarese sfugge per circa un minuto il primo successo, ma il suo piazzamento è comunque eccellente

Genova. È ancora una volta straordinario il risultato conquistato da Edoardo Stochino alla Santa Fè-Coronda: una preziosa medaglia d’argento.

È lui, lo riconosci, l’unico senza la cuffia, il numero 12: negli ultimi metri si stacca di dosso il pressing del compagno di avventura Simone Ercoli e del macedone Pop Acev e tocca per primo, del gruppo degli inseguitori, il traguardo.

L’atleta tesserato Nuotatori Genovesi e Polizia è il primo alle spalle di due argentini: il vincitore assoluto Guillermo Bertola e la vincitrice della categoria femminile Cecilia Biagioli. Da segnalare il resto del podio in rosa con le due italiane Barbara Pozzobon e Alice Franco.

Il campione chiavarese, allenato da Filippo Tassara, ha nuotato i 57 chilometri della 44ª edizione della Santa Fè-Coronda nel rio Paranà in 7 ore e 33 minuti, circa un minuto in più di Bertola. Il grande atteso, un altro argentino, Damian Blaum si è dovuto ritirare per problemi fisici.

Edoardo, alla settima partecipazione personale, sale ancora sul podio in quella che viene considerata come una della gare più faticose, complicate, massacranti, per la distanza e per le condizioni ambientali, tappa del circuito della Coppa del Mondo di Gran Fondo.

Soddisfazione per l’Italia del fondo, per la Nuotatori Genovesi e per le Fiamme Oro con due atleti sul podio, Stochino ed Ercoli.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.