"pugno nell'occhio"

Dissuasori di seduta, lavori ancora in corso ma è subito polemica: “Deturpano la piazza” fotogallery

Installati i montanti che reggeranno il plexiglass, ed è subito pioggia di critiche

dissuasori

Genova. I lavori sono ancora in corso, ma le polemiche sono già roventi. Stiamo parlando dei “dissuasori” di seduta che il comune sta installando in piazza Banchi, per evitare “il bivacco” sui gradini della Loggia della Mercanzia.

Ad oggi sono stati “piantati” a terra i montanti in ferro che nei prossimi giorni dovrebbero sorreggere del plexiglass trasparente che “chiuderà” la possibilità di sedersi sul gradino. Ma le polemiche infuriano già rapide sul web, e non solo.

Sono in molti, infatti, a lamentarsi del lato estetico e del lato umano della nuova istallazione: alcuni definisco “un pugno nell’occhio” altri, ironicamente “il nuovo che avanza”, o più semplicemente “uno scempio”. In molti si chiedono se questo non sposti solo un po più in là il problema, mentre altri lamentano come sia impossibile trovare un posto dove sedersi in centro storico.

dissuasori

Alcuni si domandano se la Sovrintendenza è stata consultata prima di questa iniziativa, visto che interviene sulla pavimentazione storica e sull’estetica di un edifico unico del patrimonio artistico cittadino.

Sicuramente per trarre conclusioni è utile aspettale l’opera finita, ma viste la polemiche già esplose, ci sarà da sedersi e mettersi comodi. Certo, se si trovasse dove farlo.

leggi anche
Bruco, il degrado del fratello minore
Lavori in corso
Loggia della Mercanzia, la panchina di marmo diventa ‘anti-clochard’
 sicurezza centro storico pattuglione
Entro tre mesi
Daspo urbano, Tursi pronto alla sperimentazione in centro storico
mendicante
Polemica
Daspo Urbano, l’attacco di Pap: “Il PD fa le leggi, la destra le applica. Guerra ai poveri e non alla povertà”
dissuasori anti seduta piazza banchi
Pulizia in corso
Piazza Banchi, ripresi i lavori per i dissuasori di seduta. Fine cantieri entro agosto

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.