Tavolo in questura

Corteo antifascista e Sampdoria-Torino: sabato ad alta tensione per l’ordine pubblico

Attesi mille tifosi e tremila manifestanti. Il procuratore capo Cozzi sull'aggressione agli antifascisti: "A breve svolta nell'indagine".

Genova. Il sostituto procuratore Marco Zocco ha dato l’incarico al professor Luca Tajana dell’università di Pavia di eseguire la consulenza medico legale sulla ferita riportata da D. M., il 37enne accoltellato alla schiena la sera del 12 gennaio nei pressi della sede di Casapound mentre insieme a un gruppo di attivisti antifascisti stava attaccando dei manifesti in vista del corteo del 3 febbraio.

Scopo delle consulenza è valutare il tipo di lesioni, l’arma utilizzata e se il fendente avrebbe potuto essere potenzialmente mortale visto che al momento la procura di Genova indaga per tentato omicidio. I risultati della perizia saranno depositati a marzo.

“Siamo ottimisti sul fatto di arrivare in tempi brevi ad individuare i responsabili dell’aggressione” ha detto oggi il procuratore capo Francesco Cozzi. Se sugli sviluppi dell’indagine condotta dalla sezione investigativa della Digos permane il più stretto riserbo l’obiettivo della Procura è evidentemente quello di dare un segnale positivo a 48 ore dalla manifestazione antifascista che sta creando una certa apprensione sia per l’arrivo di una quota di manifestanti da fuori Genova sia perché il corteo avrebbe inizialmente voluto transitare davanti alla sede di Casapound in via Montevideo ma questo non sarà consentito. La manifestazione dopo un passaggio in piazza Alimonda e piazza Tommaseo, dove è avvenuto l’accoltellamento, tornerà indietro per concludersi in piazza De Ferrari.

Altro elemento di criticità è la coincidenza del corteo con il match Sampdoria Torino che comincerà alle 18. Dalla città della Mole sono attesi circa un migliaio di tifosi che arriveranno in ordine sparso ma molti utilizzeranno il treno e potrebbero arrivare in stazione a Brignole intorno alle 16 proprio quando il corteo transiterà nella zona dopo aver percorso via Serra davanti alla sede del movimento di estrema destra Lealtà Azione.

La Questura per la concomitanza dei due eventi impiegherà un numero ingente di uomini, circa 300-400 tra poliziotti e carabinieri. Le scelte definitive verranno fatte nel tavolo tecnico che si terrà domani in via Diaz.

leggi anche
  • Tra una settimana
    Corteo antifascista del 3 febbraio, attesi 3 mila manifestanti. Diversi pullman da fuori Genova, il 31 gennaio assemblea a De Ferrari