Corteo antifascista, 5000 in piazza. Manifestazione pacifica, scongiurati scontri con gruppi di ultradestra - Genova 24
Il racconto

Corteo antifascista, 5000 in piazza. Manifestazione pacifica, scongiurati scontri con gruppi di ultradestra fotogallery

Associazioni, famiglie, partiti e sindacati in piazza. Fumogeni e scritte contro i "covi dei fascisti". Ignoti a volto coperto hanno danneggiato le vetrine di una banca

Genova. Oltre 5000 i manifestanti partiti intorno alle 16e30 da piazza De Ferrari dietro lo striscione Genova antifascista. Alcune centinaia di manifestanti sono arrivati anche da Milano, Torino, Roma e Modena.

Il corteo, convocato con lo slogan “chiudere i covi fascisti” si è mosso in direzione di via Serra sede del movimento di estrema destra Lealtà azione e da lì in piazza Alimonda, separata da via Montevideo da speciali barriere mobili – alari – e mezzi della polizia.

In piazza associazioni, centri sociali, ma anche famiglie e bambini oltre ai rappresentanti di partiti di sinistra e delegati di Anpi e Cgil. Tra loro anche il segretario della Cgil Ivano Bosco e diversi segretari di categoria iscritti.

corteo antifascista 3 febbraio

Poche bandiere, oltre agli striscioni di Genova Antifascista, ma ce n’è uno in solidarietà al popolo curdo, oggi sotto attacco dell’esercito turco.

Tra i manifestanti una rifugiata curda in Italia, Ezel Alcu: “I bombardamenti a tappeto dei turchi stanno uccidendo molti morti civili, nessuno ne parla ma le armi sono italiane ed europee e invece in occidente si sottolinea solo come la Turchia stia agendo in contrasto con l’Isis. Nel 2015 il mondo si è stretto intorno a Kobane liberata dai curdi, oggi nessuno si ricorda di noi”, ha detto.

Intorno alle 17 un gruppo di manifestanti si è trovato in via Serra, davanti alla sede di Lealtà Azione e ha lanciato alcuni fumogeni contro l’ingresso blindato dell’associazione di estrema destra che, qualche mese fa, si è insediata nel fondo di un palazzo.

corteo antifascista 3 febbraio

I manifestanti hanno attaccato pannelli con la scritta ‘Genova antifascista’ sul portone della sede. “Un pannello simbolico per cancellare la presenza dei fascisti”, hanno. Sullo striscione i nomi di alcuni “compagni e migranti” uccisi dal 2001 a oggi. Tra i nomi quello di Carlo Giuliani.

Il corteo è proseguito in direzione di piazza Alimonda. Anche qui sono stati lanciati fumogeni. Poco distante, in via Montevideo, dispiegamento delle forze dell’ordine nei pressi della sede di CasaPound.

La via d’accesso all’edificio è sbarrata da camionette, blindati e “alari”, recinzioni mobili, oltre che da decine di agenti.

corteo antifascista 3 febbraio

.

Intorno alle 18e30, nella zona tra piazza Alimonda, Tommaseo e via Montevideo si sono vissuti i momenti di tensione – latente – più accesi. Nulla è di fatto accaduto, ma sembrava che il corteo potesse dividersi in due tronconi, con una parte di manifestanti pronti ad avvicinarsi allo sbarramento delle forze dell’ordine.

In realtà, la situazione si è ricomposta nella zona di piazza Tommaseo, dove il corteo si è riunito.
Poco distante, in corso Buenos Aires, sotto la sede del circolo culturale Il Ramo D’oro, considerato vicino all’estrema destra per aver ospitato eventi con esponenti anche di CasaPound, alcuni manifestanti hanno lasciato delle scritte con spray sui marciapiedi, proprio davanti all’ingresso dell’edificio.

corteo antifascista 3 febbraio

Sempre in piazza Tommaseo è avvenuto il danneggiamento di tre vetrate all’ingresso di una banca, il Credit Agricole. Alcune persone, a volto coperto – secondo alcuni testimoni, non genovesi – si sono staccate dal corteo e hanno vandalizzato l’istituto di credito. Stessa sorte per un’agenzia immobiliare in corso Buenos Aires.

Verso le 19 il corteo, unito, è tornato verso piazza De Ferrari. Sempre migliaia di persone hanno camminato portando avanti gli striscioni di Genova Antifascista, alcuni dei quali sono stati appesi al ponte Monumentale, in via XX Settembre. Sullo sfondo le note di Bella Ciao e Stalingrado.

In serata si è saputo che questo pomeriggio, prima del corteo, la Digos ha fermato in centro storico e portato in Questura 5 persone, provenienti dal nord-est. I manifestanti avevano negli zaini indumenti neri e mazzette. Sono stati tutti rilasciati in serata. Due di loro sono stati denunciati per porto di oggetti atti a offendere. Circa i danneggiamenti al Credito agricolo nelle prossime ore la Digos acquisirà le telecamere di sorveglianza della banca.

“Oggi in piazza c’era l’italia antifascista – hanno detto gli organizzatori al megafono al termine del corte – Firenze, Roma, Napoli, Torino, Milano, Modena. E c’era nonostante le difficoltà tutto o quasi l’antifascismo genovese. Ma questa non è la fine del percorso. E’ solo il punto di inizio”.

leggi anche
Bruco, il degrado del fratello minore
Da sapere
Manifestazione antifascista e Samp-Torino: tutte le variazioni al traffico di un sabato complicato
corteo antifascista 3 febbraio
Tra poco
Corteo antifascista, partenza alle 16e30: tra via Montevideo e piazza Alimonda blindati e “alari”
Bruco, il degrado del fratello minore
Attesi in 3mile
Corteo antifascista del 3 febbraio: assemblea pubblica a De Ferrari
corteo antifascista 3 febbraio
A tursi
Corteo antifascista del 3 febbraio, la giunta: “Chiederemo cauzione per manifestazioni a rischio”
Bruco, il degrado del fratello minore
In piazza
Fatti di Macerata, il presidio di Potere al Popolo a De Ferrari: “Contro i fascisti non un passo indietro”