Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bagarre a Tursi, manca il numero legale: salta il consiglio sul bilancio. L’ira del sindaco: “I cittadini devono sapere” foto

Causa neve, ma non solo, alcuni esponenti della maggioranza non sono arrivati in tempo all'appello. E l'opposizione ne ha approfittato

Più informazioni su

Genova. Bagarre in sala rossa a palazzo Tursi. L’assenza di alcuni consiglieri della maggioranza e l’uscita dall’aula di alcuni esponenti dell’opposizione ha fatto sì che venisse meno il numero legale. La seduta del consiglio che avrebbe dovuto discutere il bilancio di previsione è quindi saltata.

Teoricamente, non trattandosi di procedura d’urgenza, servirebbero almeno altri quattro giorni per la convocazione. Nella più breve delle ipotesi, comunque, 24 ore. Furioso il sindaco Marco Bucci, che ha chiesto al presidente dell’assemblea, Alessio Piana, di rifare l’appello dopo mezz’ora. “I cittadini devono sapere che cosa è accaduto” ha dichiarato ad alta voce in aula. Alle 9e34 non era comunque ancora stata dichiarata l’assenza del numero legale. Il tentativo del sindaco è quello di forzare la mano e provare a far tenere comunque la seduta.

L’approvazione del bilancio entro la fine di febbraio era un impegno che il sindaco si era preso, insieme all’assessore al Bilancio Paolo Piciocchi. Sicuramente i disagi di viabilità legati alla nevicata di queste ore, tra i motivi di assenza di alcuni consiglieri, ma non solo. Tra i mancanti all’appello Campanella (Fratelli D’Italia), Mascia, Baroni e Grillo (Forza Italia), Remuzzi e Ariotti (Lega) e Santi (Vince Genova). L’appello è stato fatto con una decina di minuti di ritardo. Alle 9, ora della convocazione della seduta, erano assenti anche più di 7 esponenti della maggioranza.

La dichiarazione della capogruppo del Pd Cristina Lodi: “Oggi una parte della maggioranza non era in aula per votare il bilancio del suo sindaco. Un segnale grave ma che conferma anche la difficoltà della maggioranza stessa a votare un bilancio con evidenti problemi per esempio sul sociale. Già ieri i numeri era risicati Oggi non hanno garantito il numero legale. Grave segnale per chi governa”.