L'altra sera

Rimane chiuso nel sommergibile Nazario Sauro: turista russo salvato da un poliziotto fuori servizio

Le urla dell'uomo sono state udite dall'agente che passeggiava nella zona della Darsena

Genova. E’ rimasto chiuso dentro il sommergibile Nazario Sauro dopo che il museo Galata aveva chiuso i battenti ma per fortuna le sue urla, così come i calci e i pugni contro una delle porte di accesso, sono stati uditi da un poliziotto fuori servizio.

E’ successo nel tardo pomeriggio di ieri. Protagonista della disavventura un turista russo di 35 anni anni che ieri pomeriggio è evidentemente rimasto così affascinato dalla visita al sommergibile italiano (costruito nel 1976 per pattugliare il Mediterraneo nell’ultima fase della guerra fredda e oggi visitabile nella Darsena genovese come parte delle esposizioni del Galata Museo del Mare) da non accorgersi che l’orario di visita era terminato.

La sua presenza è anche evidentemente ‘sfuggita’ agli addetti del Museo che hanno chiuso il sommergibile. “Mi sono accorto di essere rimasto chiuso dentro solo quando si sono spente tutte le luci” ha detto poi l’uomo al poliziotto che in un primo momento non ha potuto far altro che tranquillizzarlo a voce e a distanza visto che il ponte che collega il sommergibile alla banchina era già stato sollevato.

L’agente quindi è riuscito fortunatamente a trovare una dipendente ancora all’interno degli uffici del Galata e così dopo aver riabbassato il ponte le porte del sottomarino si sono aperte e il turista, pur abbastanza scosso, è stato fatto uscire sano e salvo.

leggi anche
  • Museo galleggiante
    Appello ai privati per salvare il sottomarino Nazario Sauro: servono 250mila euro