Episodio

Pontedecimo, lite per la viabilità, pugni sul vetro e insulti contro un autista del 7

Il sindacato Orsa chiede da anni più telecamere e controlli e posti di guida chiusi

Genova. Non se lo aspettava l’autista di un autobus Amt della linea 7 di dover litigare, alle 8e30 di mattina, per motivi che ancora adesso non riesce a individuare. Eppure si è trovato con due uomini che lo insultavano, minacciavano e battevano i pugni contro il vetro del mezzo pubblico.

Il fatto è accaduto ieri nella piazza principale di Pontedecimo, in Valpolcevera. L’autista effettua la fermata, dà la precedenza alle auto che lo sorpassano mentre è fermo e poi riparte. In quel momento sopraggiunge un furgone, che resta però dietro all’autobus. Clacson insistenti e grida e quando il 7 si ritrova alla svolta prima del capolinea i due uomini a bordo del furgone scendono e si piazzano davanti al bus, picchiando con i pugni sui vetri e insultando il conducente.

L’addetto Amt ha chiamato la centrale operativa e dopo qualche minuto è arrivata una pattuglia. I due, che potrebbero comunque essere rintracciati, erano già fuggiti. Un testimone ha annotato il numero di targa del furgoncino.

Il sindacato Orsa già da anni cerca delle soluzioni come telecamere a bordo, più controlli e posti di guida chiusi.

Più informazioni
leggi anche
  • In gruppo
    Genova, nuova aggressione sul bus: autista Amt finisce all’ospedale
  • Ancora
    Amt, autista preso a schiaffi per non aver fatto salire un passeggero fuori fermata
  • Ancora
    Amt, ennesima aggressione a bordo di un bus: controllore spintonato finisce al pronto soccorso