Il vertice

Piaggio Aero, nulla di fatto al Mise. La Fiom Genova: “Serve più trasparenza”

Roma. Nulla di fatto al Ministero dello sviluppo economico dove questa mattina si è tenuto l’incontro più volte richiesto dal sindacato per fare chiarezza sulla vicenda Piaggio.

All’incontro erano presenti le organizzazioni sindacali di Genova e Savona, l’Azienda e, per il Governo, la Vice Ministro dello Sviluppo Economico Teresa Bellanova. L’Azienda ha confermato il piano di cessioni dopo aver garantito le operazioni finanziarie necessarie alla tenuta dell’azienda ed ha specificato che le operazioni finanziarie sono vincolate a questo piano.

“Il sindacato ha chiesto a tutti i partecipanti al tavolo maggiore trasparenza – spiega Antonio Caminito, Fiom Cgil – la vertenza Piaggio ha troppi interlocutori che spesso dicono cose non appropriate. E’ anche stata chiesta all’Azienda una maggiore coerenza e la consegna del Piano per poter dare un giudizio più dettagliato, fermo restando che dalle cose ad oggi sentite questo piano è peggio di quello precedente. Al Governo è stato chiesto se, come dice l’azienda questo piano e’ stato condiviso con l’Esecutivo ed infine è stata ribadita la linea sindacale che non prevede né spacchettamenti né esuberi”.

Il Vice Ministro ha chiesto alle parti un aggiornamento: saranno incontrate separatamente e ascoltati i singoli ministeri coinvolti. Una nuova convocazione generale dovrebbe arrivare alla fine del mese.