Parola alle protagoniste

Normac Avb, Martina Coppolecchia: “Ci stiamo togliendo delle piccole soddisfazioni”risultati

La palleggiatrice: "Questa vittoria possiamo ritenerla il punto di partenza per continuare a fare grandi risultati nelle prossime partite"

Genova. La giovane palleggiatrice Martina Coppolecchia, classe 2001, commenta la prima vittoria del 2018 e racconta i suoi primi mesi alla Normac Avb.

Martina, sabato a Rivarolo Canavese siete tornate alla vittoria: una bella iniezione di fiducia per il prosieguo del campionato…
“Beh sì! Questa vittoria possiamo ritenerla il punto di partenza per continuare a fare grandi risultati nelle prossime partite e nel girone di ritorno”.

Pur commettendo ancora qualche errore di troppo, avete mostrato miglioramenti rispetto alla gara precedente di Caselle. Conseguenza di una settimana di allenamenti positivi?
“Sì! In questa settimana ci siamo allenate molto intensamente perché eravamo consapevoli che Rivarolo ci avrebbe potuto mettere in difficoltà. Tutti gli sforzi e i sacrifici fatti nella settimana sono stati compensati da un grande 3-0. Stiamo facendo molti miglioramenti di settimana in settimana e piano piano ci stiamo togliendo delle piccole soddisfazioni”.

Sabato prossimo affronterete Romagnano, seconda forza del campionato. Una bella occasione per dimostrare le vostre qualità, come qualche settimana fa avete saputo fare molto bene battendo splendidamente Biella, altra squadra in zona playoff.
“Ci aspetta un’altra sfida molto importante e per niente facile, ma sono sicura che allenandoci con l’intensità con cui ci siamo allenate la settimana scorsa abbiamo buone occasioni per portare a casa punti”.

Tu sei uno dei volti nuovi di quest’anno della Normac. Raccontaci le tue precedenti esperienze pallavolistiche.
“Ho iniziato a giocare a pallavolo all’età di 7 anni alla Volley School nel baby volley. Ho frequentato i centri fino ai 10 anni e poi ho iniziato un anno sotto leva l’Under 12. Da qui è iniziata la mia carriera in squadra. il primo anno di Under 12 abbiamo vinto il titolo provinciale e l’anno dopo non siamo riuscite a replicare ma siamo arrivate fino al secondo gradino del podio. L’Under 13 è stata la mia prima esperienza dove abbiamo affrontato squadre anche fuori dalla provincia di Genova, vincendo il titolo regionale. in Under 14 abbiamo nuovamente mancato il titolo ma ci siamo rifatte in Under 16 arrivando alle finali nazionali. Sono cresciuta alla attuale Serteco Volley School ma dopo 9 anni ho deciso di intraprendere questo nuovo percorso qui in Normac dove ho ritrovato comunque tante vecchie conoscenze”.

Soddisfatta di questi primi sei mesi alla Normac?
“Sì mi posso ritenere molto soddisfatta. sono contenta di essere arrivata in questa società dove sono stata accolta molto bene facendomi sentire a mio agio fin dal primo giorno. Ho conosciuto compagne nuove con cui vado d’accordo e sono in sintonia. in generale sono felice della mia scelta”.

In Serie B2 hai davanti a te un “mostro sacro” come Silvia Bruzzone, palleggiatrice di grande valore ed esperienza, ma hai la possibilità di trovare spazi anche in Serie C e in Under 18. Qual è il tuo bilancio e quali sono i tuoi obiettivi personali giunti a metà stagione?
“Sono consapevole del valore di Silvia e sono grata di potermi allenare al suo fianco. Da lei ho tanto da imparare e spero in questo periodo di riuscire ad acquisire il massimo per migliorare le mie prestazioni! Al momento sento più mio il campionato Under 18 che condivido con un gruppo molto giovane, prevalentemente ragazze dell’Under 16. Sono certa che insieme riusciremo a raggiungere grandi risultati e soddisfazioni”.

leggi anche
  • Serie b2
    Normac Avb più lucida nei momenti decisivi: a Rivarolo Canavese riecco i tre punti