Scuola

“Non toccate le nostre maestre”, in duecento in corteo per difendere gli insegnanti diplomati fotogallery

Anche nel capoluogo ligure i maestri scendono in piazza contro la sentenza del Consiglio di Stato

Genova. Sono circa duecento gli insegnanti che, accompagnati da alunni e famigliari, hanno aderito a Genova alla giornata di mobilitazione indetta livello nazionale difesa di quei insegnati che nelle materne ed elementari sarebbero a rischio esclusione da scuole e graduatorie.

Anche nel capoluogo ligure, quindi, l’agitazione è stata organizzata per protestare contro la recente sentenza del Consiglio di Stato che mette fuori dalla scuola le maestre e i maestri con diploma magistrale precedente agli anni 2001/2002.

Ad aprire il corteo, alcuni giovanissimi studenti che portano uno striscione con scritto “Non toccate le nostre maestre”. Molti gli slogan scanditi durante la manifestazione: “Abilitati quando serve, licenziati quando conviene” e “la pazienza è i finita con la sentenza”..

Il corteo partito da piazza De Ferrari si è diretto verso il provveditorato, dove sarà tenuto un presidio per qualche ora. Se registrano ingorghi e criticità nel traffico della zona.

leggi anche
insegnanti protesta
Agitazione
Scuola, per maestri elementari e infanzia lavoro a rischio. Lo sciopero degli insegnanti genovesi
Viale influenza
La situazione
Influenza, Regione: “In Liguria numeri da pandemia”, con la ripresa della scuola si teme il picco
Sedi istituzionali e palazzi del governo
Camera commercio
Orientamenti, premiati i filmati sulla buona alternanza scuola lavoro