Prima categoria girone c

L’Isolese rischia, ma si salva. La Caperanese si riavvicinarisultati

I chiavaresi approfittano del pareggio dei rivali e salgono a -2 dalla vetta. Vecchiaudace e Sampierdarenese avanzano. Sciarborasca: tre punti per la salvezza

Giochi riaperti in Prima categoria, girone C. Con il pareggio dell’Isolese in casa contro il Varazze, squadra che si conferma in un momento magico con il nono punteggio utile di fila,  nell’anticipo di sabato (a segno Perrone e Franzone per i varazzini, Rizzo e Rejaibi per i biancoverdi), la Caperanese aveva la grande occasione di rifarsi sotto ai rivali di stagione.

Contro il Cà de Rissi ne è uscita una gara molto combattuta ed incerta fino all’ultimo con il gol di Picasso al 28° che ha illuso i verdiblù di poter passare agevolmente. Il raddoppio di Levaggi ad inizio ripresa sembra andare in questa direzione, ma gli ospiti reagiscono e in meno di due minuti pareggiano con i gol di Danfakha e Taravella. La gara a questo punto si apre, le due compagini si affrontano a viso aperto e sono i chiavaresi a piazzare il colpo ferale ancora con Levaggi che trova il gol del 3-2 a meno di dieci minuti dalla fine.

Rallenta il Bogliasco che perde terreno dalle due prime del torneo. Contro la Sampierdarenese d’altronde è andata in scena una gara molto equilibrata con squadre dai valori molto simili che restano separate da un punto. Proprio i lupi padroni di casa la sbloccano al 22° con una punizione beffarda di Gallo che manda a vuoto il portiere bogliaschino anche grazie ad una deviazione della barriera. Il Bogliasco spinge, ma il pareggio arriva solo al 90° ed è un gran gol di Crosetti servito da Veroni col tacco. Tiro radente che passa sotto al portiere e fa 1-1.

Tre punti d’oro dello Sciarborasca che batte il Ravecca e mette in cassa un bel passo avanti per la salvezza. Gara che il Ravecca approccia bene con il gol di Dassereto al 5°, ma i biancorossi si sciolgono con il passare dei minuti anche grazie ad alcune ingenuità degli ospiti che spingono per il raddoppio, ma si espongono ai contropiedi dei gialloblù. All’11° infatti con una ripartenza letale, Nania impatta il parziale che accompagna le due contendenti negli spogliatoi.

Al rientro in campo il Ravecca è timoroso e si sgretola andando sotto al 55° con Dellinnocenti. Poi si rianima, ma senza fortuna. All’87° la rete di Galasso chiude i conti definitivamente. Ravecca sempre ultimo, ma anche molto sprecone, Sciarborasca in risalita.

Brutto ko del Prato a Campomorone con i rossoneri che tengono bene per trequarti di gara, andando anche vicini al gol in alcune occasioni, ma quando i padroni di casa guadagnano un rigore all’83°con Draghici, gli ospiti cedono e subiscono rapidamente altri due gol grazie alla doppietta di Oneto che decide la gara e la porta definitivamente dalla parte dei valligiani. Vecchiaudace che tiene il passo e punta deciso ai primi posti.

Non mollano neanche Via dell’Acciaio e San Gottardo che restano in quota per poter credere nei playoff. Gli azulgrana espugnano il campo di Begato con un secondo tempo spumeggiante, anche se il compito è reso più agevole dall’espulsione di Giampieri al 50°. Cinque minuti prima il Via dell’Acciaio era comunque passato in vantaggio con un colpo di testa di Musiari su calcio d’angolo.

Poco dopo il raddoppio è causato da un’autorete di Allushaj e quando arriva il rosso a Giampieri le speranze del Begato volano via. Prova ne è il tris di Gesi intorno all’ora di gioco che chiude i giochi. Il gol di Mazzotta al 90° rende meno amara una domenica che lascia il Begato in penultima posizione.

Anche il San Gottardo se la doveva vedere contro un’avversaria che cerca punti come ossigeno puro: il Voltri 87. I biancorossi giocano una gara diligente e colpiscono nei momenti chiave della gara. Alla mezzora Carra sblocca il risultato ed al 70° Pantanella riesce a spegnere i tentativi di rimonta dei voltresi. Finisce a reti inviolate Calvarese – Stella Setrese, punteggio che non cambia gli equilibri di classifica. Per entrambe la corsa salvezza è ancora lungi da venire.