Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’influenza colpisce 15 liguri ogni mille, ecco il piano d’emergenza per i pronti soccorso

Coinvolgimento dei medici di base, potenziamento degli ambulatori per accogliere i casi meno gravi e monitoraggio costante dei pronti soccorso. Sono queste alcune delle misure messe in atto per l’epidemia onfluenzale.

Genova. Il primo punto e’ stato quello di mettere in atto un potenziamento degli ambulatori per pazienti in codice bianco, in cui sono presenti i medici del territorio, dislocati all’ospedale Villa Scassi, all’Evangelico di Voltri, al San Martino e al Galliera. È stata questa una delle azioni messe in campo da Regione Liguria e Alisa per fare fronte all’aumento di accessi al pronto soccorso nell’area metropolitana genovese previsto in questo ultimo fine settimana di festività.

Gli accessi, nella giornata di oggi è in quella di domani, domenica 7 gennaio, verranno monitorati costantemente dal Diar (Dipartimento Interaziendale regionale dell’Emergenza Urgenza) e, in base ai dati in tempo reale si deciderà come rispondere a eventuali sovraccarichi nei singoli presidi grazie a un coordinamento metropolitano permanente organizzato da Alisa cui partecipano Asl 3, San Martino, Ospedale Evangelico e Galliera.

“La Liguria è una delle regioni più colpite dall’epidemia influenzale – spiega l’assessore alla Sanità della Regione Liguria, Sonia Viale – con 15 casi settimanali ogni mille abitanti. Siamo comunque pronti a fronteggiare l’aumento di accessi nei pronto soccorso con misure straordinarie tra le quali quella di separare il più possibile i casi meno complessi, vale a dire i codici verdi e bianchi dalle emergenze più gravi che, è bene sottolineare, hanno sempre avuto le cure nei tempi previsti anche nei momenti più critici”.

Tra le altre misure è previsto il potenziamento delle linee telefoniche della guardia medica e il coordinamento metropolitano garantirà il monitoraggio e il mantenimento delle procedure per i ricoveri, in modo da avere sempre la disponibilità di posti letto necessaria per far fronte alle emergenze.