Serie b femminile

Lavagnese e Lagaccio si aggiudicano i derbyrisultati

Le bianconere prevalgono, non senza fatica, contro il Molassana Boero. Il Lagaccio si impone sul Ligorna e mette in cascina punti pesanti

Si riparte da zero, o quasi. In Serie B femminile si gioca la prima giornata di ritorno, che rappresenta una nuova partenza soprattutto per quelle squadre che cercano punti salvezza. Giornata importante quella che va in archivio con due derby liguri e tanti scontri regionali  che comunque vivono un’atmosfera da stracittadina (Arezzo – Lucchese, Torino – Novese e Pisa – Florentia).

La Lavagnese si impone a Molassana al termine di una gara dura, che le pantere fanno sudare alle bianconere. La gara inizia in modo equilibrato con la Lavagnese che provano a imporre il proprio gioco, ma si trovano di fronte una squadra compatta che si difende con ordine. Primo sussulto già al 12° con Gardel che risolve una situazione su calcio d’angolo. Bianconere che sfruttano il buon momento ed al 20° Pascotto cerca la conclusione, ma il palo gli nega la gioia del gol.

Le padrone di casa rispondono con un tiro di Fernandez ed uno di Calcagno che non impensieriscono Ferrari. La Lavagnese legittima un primo tempo giocato su buoni livelli al 42° con Nietante che, servita da Spaccamonti non sbaglia e infila Stevanin. La ripresa vede le due squadre rientrare in campo con prudenza ed il Molassana preme, ma fatica a trovare spazi. Al 61°, però Calcagno trova il varco giusto e riapre i conti. Passano dieci minuti e Cama trova il gol dell’1-3 dal dischetto. Risposta immediata del Molassana che ha il grande pregio di continuare a giocare il proprio calcio e al 77° Fernandez pesca il jolly con un bel gol che vale il 2-3. Le rossoazzurre chiudono in attacco, ma con tiri velleitari dalla lunga distanza. Lavagnese che si impone quindi, ma il Molassana c’è, anche se paga qualche disattenzione di troppo in avvio.

Torna a vincere l’Amicizia Lagaccio nel derby tutto genovese contro il Ligorna  giocato sull’omonimo campo. Le verdiblù rialzano quindi la testa dopo la scoppola rimediata sette giorni fa ad Arezzo. Partita bella fra due squadre che si conoscono, ma giocano per vincere senza troppi tatticismi.

Dopo una fase iniziale più lenta, si vede il Ligorna in avanti al 19° con Traverso che duetta con una compagna e calcia a botta sicura, palla che esce di non molto. Nell’azione successiva le lagaccine passano. Del Francia pesca in mezzo Pesce che piazza la palla dove Denevi non può intervenire. Il Ligorna non ci sta e Fallico cerca il “golazo” direttamente da corner, Rossi c’è. Poi tocca a Traverso cercare la via del gol, ma la porta delle ospiti si chiude ancora.

Nella ripresa è l’Amicizia a partire in attacco con Toomey che sfiora il palo con un tiro radente. Brutta tegola per le biancoblù intorno all’ora di gioco quando Fracas sbraccia su Minopoli. Per l’arbitro ci sono gli estremi per il rosso e la bomber genovese deve lasciare le sue in dieci. Paradossalmente le ligornesi cambiano atteggiamento e traggono motivazioni dall’evento, mentre le lagaccine forse si rilassano troppo pensando di avere già ipotecato la vittoria. Del Francia si prova al 65° in contropiede, ma non inquadra. Poco dopo Fallico centra la traversa su punizione.

All’84° arriva quella che pare la beffa per le verdiblù che vengono raggiunte da una rete di Campora subentrata da poco. L’attaccante biacoblù si avventa sulla palla respinta dalla traversa in seguito alla punizione di Malatesta. L’Amicizia Lagaccio, però non si rassegna e stringe d’assedio l’area avversaria. Ci prova Pittavino al volo, ma la palla esce. Allora ci pensa Boggero a decidere la gara con un contropiede letale conclusosi con un delizioso tocco sotto della giocatrice verdeblù.

Nel prossimo turno le lagaccine attendono il Torino per proseguire con il momento positivo, mentre difficili le partite per il Molassana che sarà di scena a Firenze, e Lavagnese che ospiterà l’Arezzo. Trasferta toscana anche per il Ligorna che non avrà bomber Fracas a Lucca, dove potrà comunque dire la propria.