Cornigliano e novi

Ilva, prosegue il tavolo sull’accordo di programma. Fiom: “Un passo avanti e due indietro”

Il sindacato dei metalmeccanici teme che ci sia un contrasto insanabile tra il modello di Arcelor Mittal e l'accordo di programma

Sciopero Ilva 6 novembre

Genova. “Un passo avanti e due indietro”. Così il segretario genovese della Fiom Bruno Manganaro giudica l’incontro di questo pomeriggio al Mise dove i sindacati degli stabilimenti Ilva Genova Cornigliano e Novi ligure si sono confrontati con Arcelor Mittal, i commissari dell’amministrazione straordinaria di Ilva e il governo rappresentato dal sottosegretario Teresa Bellanova.

“Mittal ci ha mostrato delle slide – spiega Manganaro – su come funziona il loro modello basato su centralizzazione, rapporto addetti tonnellate e una rigida catena di comando e ci hanno spiegato che per le attività e le forniture che non considerano strategiche utilizzano le esternalizzazioni”.

A domanda dei sindacati su come questo possa intersecarsi con l’accordo di programma di Genova che prevede un rapporto diretto tra aree e addetti, la risposta della multinazionale dell’acciaio non è stata chiara: “Mittal ha ribadito di riconoscere l’esistenza dell’accordo di programma – spiega il segretario Fiom – ma la mia interpretazione è che ci sia un evidente conflitto tra quell’accordo e la loro filosofia. Quindi è positivo che continui il confronto, ma non sarà certo automatico ottenere l’applicazione dell’accordo”. Domattina il confronto riprenderà alla presenza dei sindacati nazionali,

Più informazioni
leggi anche
Bruco, il degrado del fratello minore
Lavoro
Ilva, Orlando: “Deve essere la politica a sciogliere i nodi, l’Italia non può privarsi della siderurgia”
ilva dall'alto
Acciaio
Ilva, incontro tra istituzioni locali e Am Investco. Toti: “Non scambiamo metri quadri con lavoratori”
Bruco, il degrado del fratello minore
Summit
Bucci su Ilva e Cornigliano: “Ogni metro quadro deve avere ricadute occupazionali”. Apertura per i depositi di gas naturale liquido
Ilva interni impianti
Al mise
Ilva di Cornigliano, la Fiom: “Mittal chiarisca di quante aree ha bisogno, in ogni caso nessun esubero”