Giallo a Bargagli, trovata morta badante di 58 anni: era stata quasi uccisa due anni fa - Genova 24
Mistero

Giallo a Bargagli, trovata morta badante di 58 anni: era stata quasi uccisa due anni fa

Il presunto aggressore, un anziano di 83 anni, è stato assolto in appello una settimana fa

Savona, controlli dei carabinieri in centro

Genova. Era stata aggredita due anni fa e ridotta in fin di vita dall’anziano di cui si prendeva cura a Neirone e oggi a una settimana dall’assoluzione dell’uomo in appello, è stata trovata misteriosamente morta nella sua abitazione di Bargagli. La vittima, Maria Satera, 58 anni, è stata trovata morta questo pomeriggio in fondo alle scale di un locale usato come soffitta. La porta del locale è risultata aperta. Il corpo è stato trovato dai carabinieri dopo l’allarme lanciato da una vicina di casa a cui la donna non aveva risposto.

Il corpo della 58enne è stato trovato ranicchiato. La donna era vestita da casa, visto che l’abitazione è attigua al locale dove è stata ritrovata. La donna potrebbe essere caduta o morta in seguito a un malore ma al momento nessuna ipotesi è esclusa.

Sul posto sta arrivando la scientifica dei carabinieri.

La donna, nel 2015, era stata picchiata e ridotta a fin di vita da qualcuno che ancora non è stato individuato. Perché Giuseppe Bacigalupo, l’anziano che l’aveva avuta come badante e poi come promessa sposa, dopo essere stato condannato tentato omicidio a 9 anni in primo grado, qualche giorno fa è stato invece assolto nel processo in appello.

I difensori dell’uomo, che oggi ha 83 anni e vive a Gattorna, hanno evidenziato come a massacrare la badante, che nel frattempo era uscita dal coma e si era trasferita a Bargagli, potesse essere qualcuno che si era introdotto nella casa e poi fuggito.

Più informazioni