La call

Gais: giovani ambasciatori teatrali cercasi, c’è tempo sino al 19 febbraio per proporsi

Stabile e Archivolto lanciano un progetto innovativo, con il contributo della Compagnia di San Paolo, rivolto ai giovani dai 19 ai 30 anni

Genova. Sono già quasi un centinaio i giovani tra i 19 e i 30 anni che hanno risposto alla call (per ora solo sponsorizzata su Facebook) che Teatro Stabile di Genova e Teatro dell’Archivolto hanno lanciato per formare un gruppo di persone che riesca a comunicare il teatro a una fascia di età che nel Nord Italia (dati Istat) partecipa agli spettacoli in una percentuale che è inferiore al 10% del totale. Un social media team formato da community manager, videomaker, storyteller e copywriter, per attirare nuovi spettatori, questo il senso del progetto.

Gais, questo il nome del progetto (acronimo di Giovani ambasciatori in scena), è finanziato dalla Compagnia di San Paolo nell’ambito di Open 2017 – Nuovi pubblici per la cultura. C’è tempo sino al 19 febbraio per lanciare la propria candidatura. Verranno selezionate 30 persone che riceveranno formazione gratuita su come si usano i social network da parte dei professionisti di un’azienda specializzata: webvisibility.it, mentre gli aspetti più legati al teatro saranno gestiti da Matteo Alfonso, attore diplomato allo Stabile e già visto anche in serie tv come Boris e Camera Cafè.

«Solo dei giovani possono “catturare” altri giovani», dice Angelo Pastore, direttore del Teatro Stabile. Una filosofia condivisa da Elisa Serafini, assessore alla Cultura e Politiche giovanili del Comune di Genova, che avendo 29 anni, ha visto scorrere sulla propria home Facebook la notizia sponsorizzata della call.

Valentina Mossetti della segreteria generale dell’Archivolto spiega: «Abbiamo rilevato attraverso un questionario che gli under 30 rappresentano solo il 20% del nostro pubblico, una percentuale ancora inadeguata. Ci rivolgiamo a studenti universitari, ma anche a chi comincia a lavorare». Da marzo a maggio 2018, come primo terreno di sperimentazione, verranno selezionati dai tutor tre/quattro spettacoli su cui i ragazzi lavoreranno per creare contenuti originali. Da settembre sarà attiva una piattaforma web su cui i 10 giovani (dai 30 originari) saranno chiamati a fare da “ambasciatori in scena”, selezionando autonomamente 10-12 spettacoli su cui fare comunicazione social. «L’idea è di aprire la piattaforma anche ad altri teatri». I 10 #Gais diventeranno tutor dei nuovi ambasciatori che saranno coinvolti nella stagione successiva, un social media team a tutti gli effetti.

Viene richiesta una disponibilità parziale per tutto il periodo da marzo 2018 a maggio 2019.

Previsto un rimborso spese di 500 euro da spendere per l’acquisto di libri, viaggi, tecnologia, musica. Il curriculum con contributo “motivazionale” (lettera, video eccetera) va inviato a promo@archivolto.it o relazioniesterne@teatrostabilegenova.it.