L'invito

Fascismo, il cardinale Bagnasco: “Stare attenti a non enfatizzare, il problema più importante è il lavoro”

L'arcivescovo di Genova: "Ogni forma di violenza, da qualunque parte arrivi, e' da rifiutare in modo assoluto, senza pero' gridare al lupo al lupo"

Genova. “Dobbiamo stare attenti a non enfatizzare delle cose che esistono relativamente: a me non pare che ci siano dei pericoli particolari. Il problema piu’ importante da risolvere e’ il lavoro e su questo c’e’ una determinazione che fa sperare bene. Invito le forze politiche a dire le cose possibili, realiste, a essere concrete e sincere, senza illudere la gente e il Paese, perche’ sarebbe indegno”.

  E’ l’ invito fatto dall’arcivescovo di Genova, il cardinale Angelo Bagnasco, intervenuto stamattina a Genova a margine di una visita alla sede della Regione Liguria per augurare un buon nuovo anno di lavoro alla Giunta Toti, anche rispondendo ai cronisti che gli chiedevano se fosse preoccupato in merito agli episodi di tensione e violenza che hanno visto contrapposti gruppi di estrema destra e antifascisti a Genova e in Liguria.

  “Ogni forma di violenza, da qualunque parte arrivi, e’ da rifiutare in modo assoluto, senza pero’ gridare al lupo al lupo”, ha sottolineato ancora il cardinale Bagnasco.