Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Esordio amaro per Locatelli e Rapallo risultati

Lontre a due facce contro Como. Ruentine che restano in gara fino all'ultimo, ma tornano da Trieste senza punti

Non inizia nel migliore dei modi la stagione delle due genovesi impegnate in Serie A2 femminile di pallanuoto. Sia la Luca Locatelli che il Rapallo Nuoto escono sconfitte dai rispettivi incontri all’esordio di campionato.

Le lontre di Stefano Carbone cedono in casa contro il Como, una delle favorite alla vittoria finale. L’approccio alla gara è buono per le biancorossoblù che reggono all’impatto con le lombarde impattando il parziale con una doppietta di Silvia Figari.

Tutt’altra storia nel periodo successivo con le comasche che tirano fuori gli artigli e letteralmente “asfaltano” le genovesi: Comba, Giraldo, Bianchi, Lanzoni, ancora Comba. Questa la sequenza di reti che sbilancia in modo determinante la gara. Il quarto termina 2-7 con le ospiti avanti di ben 5 reti.

L’intervallo lungo è necessario alla Locatelli che deve reagire e lo fa molto bene, sfruttando anche un Como che si siede prematuramente. La doppietta di Tedesco e i gol di Figari su rigore e Nucifora, uniti ad una difesa finalmente degna di questo nome riportano sotto le ragazze di Carbone che tornano chiaramente in gara sull’8-9.

Si va all’ultimo periodo che torna ad essere decisivo, con la Locatelli che entra bene in acqua, ma a questo punto un po’ di ingenuità, unita a qualche decisione discutibile dei giudici che rifilano ben 4 espulsioni alla squadra di casa. Ne approfittano le comasche che con Comba e Bianchi tornano a +3. Le genovesi non demordono e tornano sotto con Mori e Figari chiudendo in attacco. Alla fine, però Como passa 10-12 contro una comunque buona Locatelli che ha dimostrato di potersela giocare anche con le “grandi”, per quanto sia necessario, da parte di coach Carbone di un lavoro sulla concentrazione delle giocatrici.

“Dobbiamo recitare il mea culpa per un secondo tempo imbarazzante che ci è costato giustamente carissimo,  – ammette Carbone – certi errori non te li perdona nessuno, figurarsi una compagine ben attrezzata come quella di Pozzi. Detto questo la voglia di crederci anche sul 3-9, la grandissima capacità di non fare drammi neppure in situazioni difficili come quella di non avere un portiere titolare, l’umiltà di sapere fare gruppo e di mettere al servizio del gruppo le capacità delle singole sono cose niente affatto scontate che mi fanno avere molta fiducia in questa squadra”.

Era impegnata in trasferta invece la Rapallo Nuoto che a Trieste gioca alla pari con le friulane, ma viene sconfitta 8-6 . Gara, come detto molto equilibrata con Rapallo subito a rete con Giavina, ma poi subisce la rimonta di Cergol e Ratelli. A pochi secondi dalla fine arriva il pareggio di Cortili che manda le squadre al riposo sul 2-2. Al rientro in vasca poco cambia, con Vettorello che riporta avanti le liguri, che subiscono nuovamente la reazione triestina andando sotto 4-3, salvo impattare con De Salsi.

L’equilibrio prosegue, ma nel terzo quarto arriva il gol del vantaggio di Rattelli che porta sul +1  le locali che hanno poi l’occasione di allungare con Cergol su rigore ad inizio dell’ultimo quarto, ma Risso è provvidenziale a tenere in vita le ruentine che poi trovano anche il pari con Criscuolo. Da qui, però finisce la prolificità delle ospiti che subiscono ancora la bravura e l’esperienza di Rattelli per il 7-6 e poi un  gol capolavoro di Cergol che si vendica su Risso con una bordata da oltre 8 metri che non lascia scampo al portiere.

Emblematiche le parole delle tecniche Emanuela Schiaffino ed Anett Gyore: Purtroppo è emerso quello che probabilmente sarà il nostro problema principale da qui a fine campionato: per diversi motivi non riusciamo ad allenarci sempre tutte assieme e questo va ad influire sul gioco in partita – commenta – Oggi, infatti, non abbiamo giocato bene, posto che alcune decisioni arbitrali in momenti cruciali della partita mi hanno lasciata quantomeno perplessa. Iniziamo da subito a lavorare per il prossimo impegno di campionato».

Domenica prossima è già tempo di derby con il Rapallo che esordirà nella propria piscina e attende le lontre. Con due squadre vogliose di cogliere la prima vittoria, si prospetta una gara molto intensa.