Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Entella sconfitta a Perugia, Luca Ceccarelli: “Nel secondo tempo siamo stati ingenui” risultati fotogallery

Alessandro Lazzarini: "Non c'è stata una reazione: dobbiamo capire che queste cose non possiamo permettercele"

Chiavari. Finisce 2 a 0 il primo match del 2018 della Virtus Entella. A festeggiare è il Perugia dell’ex mister biancoceleste Breda. I Grifoni colpisco ad inizio ripresa con Kouan e Cerri, mentre i chiavaresi non trovano la via del gol.

Al termine della partita parla il secondo allenatore Alessandro Lazzarini.È stato un primo tempo equilibrato – spiega – dove forse la miglior occasione l’abbiamo avuta noi. Poi nel secondo tempo siamo rientrati e questo gol improvviso ci ha tagliato le gambe. Questo non deve succedere. È il rammarico più grande perché non c’è stata una reazione ad una cosa che ci poteva stare, perché il Perugia è una squadra di qualità, con una rosa importante. Può succedere di prendere un gol, però vista la non reazione della squadra dobbiamo capire che queste cose non possiamo permettercele, una squadra che si deve salvare deve reagire sempre”.

Nel secondo tempo la squadra ha ceduto. “Non è detto che sia una questione mentale. Forse le gambe non giravano, ma credo che da analizzare sia più il fatto di aver preso due gol improvvisi che a livello mentale ha dato un po’ una mazzata. Proprio su questo dobbiamo lavorare, perché gli allenamenti avevano dato indicazioni diverse, di una squadra in salute, una squadra che nonostante le assenze voleva venire a Perugia e giocarsela com’è stato nel primo tempo. Però – conclude – questi due lampi improvvisi ci hanno tagliato veramente le gambe e lì dobbiamo capire il perché“.

Oggi era assente Troiano; la fascia da capitano è stata indossata da Luca Ceccarelli.Dopo un primo tempo fatto bene da parte nostra – afferma – con attenzione e con cattiveria, nel secondo tempo siamo stati ingenui, perché abbiamo dato la possibilità al Perugia in una partita dove c’era il massimo equilibrio di portarsi in vantaggio. Quindi dopo si complicano un pochino i piani, quelli che erano stati in settimana in preparazione alla partita e sei costretto a sbilanciarti, quindi concedi spesso il fianco a loro che hanno giocatori, Di Carmine su tutti, bravi ad allungare la squadra e attaccare nella profondità. Il rammarico dell’Entella è non essere riuscita a tenere come ha fatto nel primo tempo e forse un pochino troppo in maniera leggera a farsi sorprendere nell’azione del primo gol“.

Il Perugia è una squadra di valore. “Hanno un gruppo importante, sicuramente uno dei gruppi migliori di questa categoria. Però allo stesso tempo le annate vivono di momenti e all’inizio dell’anno sembrava che il Perugia potesse recitare un ruolo di massimo protagonista in questo campionato, poi dopo ha avuto delle difficoltà e bene o male ha fatto fino ad oggi un campionato simile a quello che abbiamo fatto noi, almeno per quanto riguardavano i punti fino a questa partita. Quello che si prepara sulla carta è importante, ma poi quello che conta è quello che si fa in campo. Credo che anche loro abbiano un po’ di rammarico – conclude Ceccarelli -, perché avevano in testa di fare un altro tipo di campionato però trovandosi lì dovranno essere bravi, come del resto noi, ad arrivare prima possibile a una quota di tranquillità“.