Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Entella, oggi c’è il Foggia. Alfredo Aglietti: “È uno scontro diretto” risultati

In settimana è arrivato il difensore Naser Aliji

Chiavari. La Virtus Entella ha completato il mercato con l’acquisto a titolo definitivo di Naser Aliji, difensore, nato a Kumanovo il 27 dicembre 1993, che milita nella Nazionale albanese.

Oggi c’è subito la prima chiamata per il neo arrivato Aliji. Il calciatore naturalizzato albanese, che ha scelto il numero 3, fa infatti parte del gruppo biancoceleste chiamato da mister Aglietti a sfidare il Foggia.

Ecco nel dettaglio le scelte del tecnico. Portieri: Iacobucci, Paroni, Massolo. Difensori: Ceccarelli, Pellizzer, Benedetti, Aliji, Belli, De Santis, Brivio, Baraye. Centrocampisti: Di Paola, Ardizzone, Nizzetto, Eramo, Crimi, Currarino, Acampora. Attaccanti: Diaw, Gatto, De Luca, La Mantia, Aramu.

La partita tra Virtus Entella e Foggia avrà inizio alle ore 15 al Comunale di Chiavari. Sarà arbitrata da Daniele Martinelli della sezione di Roma 2, assistito da Vincenzo Soricaro (Barletta) e Valerio Vecchi (Lamezia Terme); quarto uomo Francesco Meraviglia (Pistoia).

Il Foggia arriva da una settimana difficile. “Noi dobbiamo pensare a noi stessi – dichiara Alfredo Aglietti -, quello che succede in casa degli altri ci deve interessare relativamente, perché poi può essere anche fonte di distrazione. Dobbiamo rimanere assolutamente concentrati su quello che dobbiamo fare, considerata la difficoltà della partita. Il Foggia è una squadra che ha fatto tanti punti soprattutto in trasferta, quindi è una partita che dovrà essere affrontata con grande attenzione e grande concentrazione. È uno scontro diretto, veniamo da una brutta prestazione a Perugia quindi vogliamo assolutamente rifarci sotto tutti i punti di vista e domani deve essere l’occasione giusta per rifarci, perché è uno scontro diretto, dobbiamo cercare di far nostra la gara per allungare su quelle dietro e per tornare a trovare quell’equilibrio, quella continuità che serviranno soprattutto in questo girone di ritorno per tirarsi fuori da questa situazione di classifica”.

Rispetto a Perugia qualcosa cambierà – prosegue l’allenatore -. Con una settimana in più di lavoro sicuramente anche i nuovi hanno messo un po’ di benzina nelle gambe e questo lo devo tenere in considerazione. La società sta facendo molto bene sul mercato, sono molto contento di quello che stiamo facendo quindi domani magari sarà l’occasione anche per vedere dall’inizio qualche nuovo, però poi mi attendo una risposta anche da parte di tutti gli altri, perché comunque non siamo ripartiti con il piede giusto dopo la sosta”.

“Aliji chiaramente non si è ancora mai allenato con noi perché è arrivato stamani – spiega Aglietti -, ha svolto un lavoro differenziato ma è un rinforzo importante, un nazionale albanese, un giocatore con una caratura internazionale. Ci serviva, perché comunque all’interno della nostra rosa voglio creare competizione per alzare il livello: nessuno deve sentirsi sicuro del posto e tutti devono dare il 100% anche durante la settimana per arrivare poi a disputare prestazioni importanti. Se qualcuno si sente sicuro del posto, tende a calare un po’ la tensione, questo si risente proprio durante la partita e questo non deve succedere. Chi va in campo deve avere orecchie, antenne, gambe ben rodate, ben dritte per cercare di fare il massimo perché sono venti partite da qui alla fine e saranno venti finali”.

Le partite durano novantacinque minuti, quindi chi magari non è scelto dall’inizio non è detto che non diventi decisivo come successo precedentemente a partita in corso. Le scelte iniziali chiaramente ci sono ma poi c’è anche il corso della partita, la stanchezza, quello che può succedere e aver bisogno di tutti. Durante la mia gestione quando sono entrati certi ragazzi, mi vengono in mente Currarino col Novara o Aramu ad Ascoli, sono stati determinanti e così magari lo può essere anche domani, quindi nessuno si deve sentire escluso perché magari non parte dall’inizio ma anzi – conclude il mister – deve essere pronto nel caso in cui venga chiamato in causa“.