Il caso

Corte dei Conti: ex fisioterapista dell’ospedale San Martino deve risarcire 125mila euro

Secondo quanto verificato dai giudici della procura contabile, l'operatore sanitario avrebbe commesso irregolarità riguardo agli obblighi di esclusività che valgono per i dipendenti pubblici

Genova. La Corte dei Conti della Liguria ha condannato a un risarcimento di oltre 125.000 euro un ex fisioterapista dell’ospedale San Martino.

Secondo quanto verificato dai giudici della procura contabile, l’operatore sanitario avrebbe commesso irregolarità riguardo agli obblighi di esclusività che valgono per i dipendenti pubblici.

Sarebbe risultato che l’ex dipendente fosse socio, amministratore e fisioterapista di una società già dal momento in cui aveva siglato il contratto di lavoro con l’azienda ospedaliera pubblica. La condanna a risarcire 125.000 euro al San Martino è relativa al “mancato versamento di compensi indebitamente percepiti”.