Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Capitaneria di Porto, al comando di Genova arriva Carlone, parte Pettorino: “Fiero delle nostre missioni” foto

Tra i temi toccati alla cerimonia, gli interventi nel Mediterraneo per la questione migranti, ma anche un salvataggio eroico a Riva Trigoso, nel 2017

Genova. La capitaneria di porto di Genova ha un nuovo comandante. Si tratta di Nicola Carlone, contrammiraglio, arrivato dall’ufficio operazioni sicurezza del comando generale, che prende il posto di Giovanni Pettorino, ammiraglio, che dopo due anni in Liguria è stato promosso comandante generale del corpo. “Gli equipaggi delle nostre due motovedette che operano alternandosi a Lampedusa in tre anni hanno salvato 4000 naufraghi. Missioni di cui sono molto fiero”.

avvicendamento pettorino carlone

Pettorino ha poi sottolineato il grande coraggio di due marescialli della Capitaneria che lo scorso anno nel mare a Riva Trigoso, nel levante di Genova, “per salvare alcune persone, non hanno esitato a mettere repentaglio la propria vita: “E in persone come queste che trovo la bellezza e l’orgoglio del mio lavoro che affronto ancora oggi con lo stesso entusiasmo che avevo da giovane ufficiale quando, solo l’idea di poter diventare un giorno comandante della capitaneria di porto mi Genova mi riempiva di orgoglio ed emozioni”.

“Oggi le Capitanerie di porto italiane contano 11 mila militari. Facciamo molto, tutto quanto è possibile. Ma potremo fare di più perché siano pochi”. E’ la denuncia del comandante generale delle capitanerie di porto Vincenzo Melone, presente all’appuntamento, che ha aggiunto: “Noi abbiamo la coscienza a posto e dico questo perché come capo non accetto – ha sottolineato – che si metta in dubbio l’operato della capitaneria che esegue direttive internazionali e va anche oltre le proprie competenze, come dimostrano molti gesti di eroismo messi in atto da militari anche mettendo a repentaglio la propria vita”.