Misure straordinarie

Caos pronto soccorso, la Regione corre ai ripari per l’Epifania: potenziati gli ambulatori per i codici bianchi

L'obiettivo è "separarli" dai casi più gravi che tuttavia, precisa la Regione, non hanno mai avuto ritardi nelle cure.

Genova. Un potenziamento degli ambulatori per pazienti in codice bianco, in cui saranno presenti i medici del territorio all’ospedale Villa Scassi, all’Evangelico di Voltri, al San Martino e al Galliera. È una delle tante azioni messe in campo per fare fronte all’aumento di accessi al pronto soccorso nell’area metropolitana genovese previsto in questo ultimo fine settimana di festività.

Gli accessi verranno monitorati costantemente dal Diar (Dipartimento Interaziendale regionale dell’Emergenza Urgenza): in base ai dati in tempo reale si deciderà come rispondere a eventuali sovraccarichi nei singoli presidi grazie a un coordinamento metropolitano permanente organizzato da Alisa cui partecipano Asl 3, San Martino, Ospedale Evangelico e Galliera.

L’eccezionale epidemia influenzale che sta flagellando tutto il paese non accenna a fermarsi – spiega l’assessore Sonia Viale – si tratta dell’epidemia più intensa che si sia verificata nell’ultimo decennio e la Liguria in particolare è una delle regioni più colpite con incidenze paragonabili a quanto osservato nel corso della pandemia con 15 casi settimanali ogni mille abitanti. Siamo comunque pronti a fronteggiare l’aumento di accessi nei pronto soccorso in questo weekend dell’Epifania abbiamo messo in campo misure straordinarie tra le quali quella di separare il più possibile i casi meno complessi, vale a dire i codici verdi e bianchi dalle emergenze più gravi che, è bene sottolineare, hanno sempre avuto le cure nei tempi previsti anche nei momenti più critici”.

Tra le altre misure è previsto il potenziamento delle linee telefoniche della guardia medica e il coordinamento metropolitano garantirà il monitoraggio e il mantenimento delle procedure per i ricoveri, in modo da avere sempre la disponibilità di posti letto necessaria per far fronte alle emergenze.

Infine presso l’ospedale San Martino è stata allestita una Sala Trasparenza per aggiornare i giornalisti attraverso appositi punti stampa sulla situazione dei Pronto Soccorso in Liguria.

leggi anche
  • L'attacco
    Caos pronto soccorso, Salvatore (M5S): “Toti e Viale inadeguati, potenziare presìdi sul territorio”
  • Il punto
    Caos pronto soccorso, Viale: “Situazione sotto controllo, nessun paziente ha rischiato”
  • Emergency room
    Caos pronto soccorso, l’assessore Viale: “Situazione da record, ma è stata gestita, no allarmismi”
  • Polemica
    Caos pronto soccorso, Paita (Pd): “Influenza arriva tutti gli anni, eccezionale è solo incapacità della Regione”
  • Sanità
    Caos Pronto Soccorso, ora la Regione vuole accelerare sull'”ospedale del ponente”
  • Salute
    Caos pronto soccorso, in Liguria influenza da record: preoccupa aumento polmonite