Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Candidati “paracadutati”, Toti chiede chiarezza al centrodestra: “Dobbiamo valorizzare i territori”

Genova. “Non sono affatto preoccupato dai paracadute che sono nobili strumenti per evitare di schiantarsi al suolo. Mi piace vedere valorizzati i territori, credo che in questa regione ci siano stati molti grandi successi della nostra parte politica, ci sia una classe dirigente che si è affermata con le proprie idee e con un propio percorso di crescita, con proprie idee di sviluppo e di Paese”.

A dirlo il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, a margine delle celebrazioni per la morte di Guido Rossa. Toti ha risposto a una domanda sulle indiscrezioni relative ai contrasti su eventuali candidature non decise dal territorio.

“Credo che i partiti farebbero bene a valorizzare le storie di successo che hanno al proprio interno e la Liguria è una storia di successo del centrodestra. In questo territorio abbiamo avuto un’ampia fiducia da parte dei cittadini e dobbiamo dimostrare di meritarlo quotidianamente: mi auguro che i partiti a livello nazionale comprendano che questa è una strada importante, che la costruzione di un nuovo Paese passa anche attraverso la selezione di una classe dirigente meritocratica, cresciuta a contatto con il territorio, espressione della gente che l’ha votata. Ma sono certo che sarà così .

Edoardo Rixi, segretario della Nord Liguria e assessore della giunta Toti, rilancia: “Noi riteniamo che, in questa regione, abbiamo rappresentato un modo di cambiare anche all’interno degli schieramenti, un modo di fare politica. Abbiamo scelto sempre le persone migliori, per tutti i ruoli, e crediamo che anche il nostro contributo, a livello nazionale deve partire dal territorio, scegliendo le persone migliori nei vari collegi per fare si che un domani, a Roma, possano contribuire con il loro operato al miglioramento delle condizioni della nostra regione”. Rixi aggiunge: “Non si va a Roma per rappresentare se stessi ma l’interezza della popolazione ligure e le necessità, dalle infrastrutture alla portualitá all’occupazione. Abbiamo bisogno di parlamentari che conoscano il territorio e che con quello si rapportino”.