Tragedia

Bimbo di 5 anni morto all’ospedale della Spezia: era meningite

Scattate le procedure di profilassi per i compagni di scuola del bambino

Genova. Il bambino di 5 anni morto questa mattina dopo un ricovero di poche ore all’ospedale Sant’Andrea della Spezia è risultato positivo alla meningite da meningococco. Gli esami effettuati a seguito del decesso.

Il piccolo, residente nello stesso comune, è arrivato con i genitori poco dopo le 6e30 al pronto soccorso in gravissime condizioni: febbre molto alta e difficoltà respiratorie. Il bambino è stato quindi ricoverato in rianimazione per sospetta sepsi batterica. Nel frattempo è stato contattato il centro di riferimento dell’Istituto Gaslini per un eventuale trasporto in elisoccorso, ma le condizioni del bambino sono precipitate. Il bambino è deceduto a seguito di un arresto cardio-circolatorio: le manovre rianimatorie, praticate per oltre un’ora, non hanno avuto esito.
 
Già predisposte le procedure standard come da protocollo regionale per la gestione dei casi di sepsi meningococcica. Nel pomeriggio i direttori delle due strutture complesse della Asl si recheranno alla scuola materna frequentata dal bambino per fornire tutte le informazioni ai genitori dei compagni e procedere con la profilassi antibiotica ai soggetti individuati come contatti stretti.
 
A seguito del decesso del bambino di 5 anni avvenuto questa mattina presso l’ospedale Sant’Andrea della Spezia, Alisa ha provveduto a costituire una Commissione di verifica incaricata degli approfondimenti e delle valutazioni necessarie. Ne fanno parte Claudio Viscoli, direttore S.C. Malattie infettive dell’Ospedale Policlinico San Martino, Elio Castagnola, direttore S.C. Malattie infettive dell’Istituto Giannina Gaslini, Roberto Carloni, direttore S.C. Prevenzione (Alisa), Lorenzo Bistolfi, direttore S.C. Cure Primarie (Alisa), Francesco Bermano S.C. 118 Ospedale Policlinico San Martino.

Più informazioni
leggi anche
  • Prevenzione
    Bimbo di 6 anni morto di meningite, l’assessore alla Sanità: “Valuteremo se rafforzare campagna vaccino”