Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bic, dolcissimo e complicato, cerca una vera famiglia (come Ringo e Dolly) dal canile Monte Contessa fotogallery

Ecco dalla struttura sulle alture di Sestri Ponente alcuni cani a cui è impossibile resistere

Genova. “Ciao a tutti. Io sono Bic. La settimana scorsa mi hanno aperto la pancia per la seconda volta. I medici non sanno se me la caverò stavolta. Mentre loro lottano per salvarmi ancora una volta da me stesso vi racconto un pochino di me – inizia così il racconto “in prima persona” di uno degli amici a quattro zampe che, dal Canile di Monte Contessa, vi presentiamo questa settimana per la rubrica #portamiacasa – la mia vita prima del canile è stata bella. Casa, famiglia, viaggi. Poi un bel giorno, avevo all’incirca un anno, mi hanno buttato in mezzo alla strada e sono scappati via. Ho provato a seguirli, ho corso fino a non sentire più nulla. Non sono riuscito a raggiungerli e loro non sono mai tornati indietro. Da quel momento è iniziata la salita. Mi sono ritrovato in canile, dietro alle sbarre. Senza motivo. Le persone qui sono simpatiche ma noi siamo tanti e spesso non c’è tempo per tutti. Gli unici momenti di svago sono quelli dentro i recinti a rincorrere la pallina. Loro lanciano e io la prendo, lanciano e la prendo e così via. Poi a un certo punto decidono di toglierla e mi chiudono di nuovo. Con il tempo quella pallina è diventata l’unica cosa che mi permetteva di rimanere appeso alla vita. Era libertà. Quel momento non doveva finire e così ho iniziato a tenerla stretta. Se non fossero riusciti a toglierla non sarei neanche ritornato in box. È stato così che ho ingoiato la mia prima pallina, nel tentativo di non farmela portare via. E dopo quella un’altra e poi un’altra. Sono stati costretti ad aprirmi la pancia per toglierle. Io lo capisco che è pericoloso, so che non dovrei farlo. Ma è più forte di me. Voglio libertà, voglio una vita vera. Così mi ritrovo su questo tavolino d’acciaio. Mi impegnerò a farcela anche stavolta però voi, vi prego, non fatemi tornare in gabbia”.

Bic cerca un affido temporaneo o un’adozione urgente. È bravo con persone e altri cani. Da valutare però la convivenza. Chiunque volesse salvargli la vita sarà seguito dalle educatrici del canile il tempo necessario.

C’è poi Ringo, arrivato al canile di Monte Contessa nel maggio 2017. “Era spaventato e forse non capiva il motivo per cui lo avevano lasciato davanti al cancello del canile. Come si può capire un abbandono?”. Ringo è nato a ottobre 2012. E’ un mix maremmano ed è di taglia media. Bello e dal muso simpatico. Ha bisogno di una famiglia che lo sostenga e che lo guidi nelle esperienze e che lo faccia sentire membro di un gruppo. È il compagno ideale per chi ama fare lunghe passeggiate nel verde, sarebbe molto contento di avere uno spazio esterno ma potrebbe anche vivere in appartamento purché la sua famiglia abbia tempo a sufficienza da dedicargli. Con i suoi simili va a simpatia, da valutare la convivenza con una femmina equilibrata.

Dolly, last but not least, è una giovane cucciolina molto dolce e simpatica! Si presenta timidina ma voi non lo sareste se passaste la vostra giornata in canile? È una tipetta molto intelligente e davvero dolce con le persone. Le piace passeggiare e stare in compagnia e va d’accordo con gli altri cani. “Vi aspetta in canile venite a trovarla!”, affermano i volontari della struttura.