Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ballardini conferma: “Nessun attaccante in arrivo” fotogallery

L'arrivo di Hiljemark (oggi in tribuna) è "benedetto" dal mister rossoblù, che è alla ricerca di centrocampisti con caratteristiche diverse rispetto a Veloso, Rigoni e Bertolacci

Genova. Nessun attaccante in arrivo al Genoa, gli ultimi tre giorni di mercato potrebbero smuovere le acque ancora in difesa o a centrocampo. Così lascia intendere Davide Ballardini durante la conferenza stampa post sconfitta contro l’Udinese. Un centrocampista che abbia una gamba diversa rispetto a Veloso, Bertolacci e Rigoni, che si assomigliano un po’. Oggi in tribuna c’era Hiljemark, di rientro dal prestito dal Panathīnaïkos “un giocatore che è un po’ diversi, dagli altri che abbiamo in rosa – dice Ballardini – come del resto lo sono Omeonga e Brlek”. Il mister sostiene che in attacco le opzioni sono diverse, anche se l’incognita Giuseppe Rossi è molto ingombrante: tornasse lui anche solo a mezzo servizio, sicuramente il Genoa riuscirebbe ad avere la qualità (e magari i gol) che manca.

Sulla partita Ballardini ha poco da dire: “Siamo destinati a tenere alta l’attenzione fino alla fine. In altre occasioni non meritavamo di vincere e abbiamo vinto, oggi è accaduto il contrario, ci sta di essere bravi e meno fortunati”. Il mister non ha nulla da dire ai suoi: “La partita è stata giocata bene, l’Udinese è una squadra forte, il Genoa oggi non è stato da meno. Ci sono ancora tante e tante difficoltà da superare”. Pochi i gol fatti, ma anche quelli subiti, il Genoa concede poco all’avversario, oggi Ballardini ha contato quasi 20 tiri in porta: “Qualche problema c’era, c’è e ci sarà. Dovremmo essere molto bravi a limitarli”.

La scelta di partire con due “piccoli” all’attacco, vanificando le possibilità di essere pericolosi su cross, è motivata dal fatto che Ballardini sperava di allargare gli avversari, giocando “sporco”, lottando sulle palle ricevute dagli attaccanti. “Siamo stati un po’ lenti però, ma temevamo le loro ripartenze di qualità”.