Disservizio

Ascensore di villa Scassi, Balleari: “L’impianto riaprirà entro metà marzo”

L'assessore alla Mobilità: "Ritardo inaccettabile"

Genova. L’ascensore che collega via Cantore con l’ospedale di Villa Scassi riaprirà entro metà marzo. Lo fa sapere il vicesindaco e assessore alla mobilità Stefano Balleari che proprio ieri – tramite i propri uffici – aveva scritto alle aziende responsabili della realizzazione dell’impianto una secca nota, chiedendo di fornire ad Ustif, l’Ufficio speciale trasporti a impianti fissi del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, la documentazione che dimostra la rispondenza del ripristino dell’impianto al progetto iniziale.

L’ascensore aveva avuto – come si ricorderà – problemi ai cavi di carico che ne avevano causato la chiusura nel luglio scorso. Era stato inaugurato, dopo mesi di ritardo, nel dicembre 2016. E anche dopo il guasto avrebbe dovuto ritornare in servizio a novembre.

“I documenti sarebbero dovuti arrivare già prima delle festività natalizie – sottolinea Balleari –, ma c’è stato bisogno di un supplemento temporale poiché mancavano alcune specifiche fondamentali per procedere al collaudo. Un ritardo francamente inaccettabile, tenuto conto dell’importanza dell’ascensore per il quartiere e per l’ospedale di Villa Scassi. Ora finalmente, grazie anche all’impegno dell’amministrazione comunale che verificherà puntualmente il procedere dei lavori, riusciamo a vedere la fine di una vicenda a dir poco paradossale: un impianto nuovo di zecca costretto a chiudere dopo poche corse effettuate”.

leggi anche
  • Fuori servizio
    Pronto soccorso del villa Scassi sotto stress, e l’ascensore hi-tech ancora non funziona
  • Barzelletta
    Ascensore Villa Scassi fermo da un anno, a febbraio il verdetto dopo l’ennesimo collaudo
  • Non sembra vero
    Ascensore Villa Scassi verso la riapertura dopo due anni di stop: “Manca solo un verbale”