Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Aggressione ad antifascista, l’opposizione: “Il centrodestra evita la discussione”. E in aula parte Bella Ciao

In ballo un ordine del giorno del Pd per vietare le sedi istituzionali a partiti e associazioni che si rifanno al fascismo

Genova. “La destra boccia la richiesta del gruppo del Pd, sostenuta da tutta l’opposizione, di discutere con urgenza la nostra mozione per la promozione della cultura antifascista, per vietare le sedi istituzionali a partiti e associazioni xenofobe, razziste e che si rifanno al fascismo”. Lo ha denunciato il gruppo Pd in Regione, dove questa mattina è riunito il consiglio regionale.

consiglio regionale disabili

“Questa maggioranza ha paura di confrontarsi su temi importanti e fondanti della nostra democrazia come l’antifascismo – scrive il Pd in una nota – gravissimo che oggi non si possa discutere una mozione così importante e urgente, visti i segnali preoccupanti degli ultimi mesi, fino ad arrivare all’accoltellamento di un antifascista avvenuto nei giorni scorsi. Tutte le forze politiche democratiche devono essere compatte nel condannare ed emarginare la violenza politica e negare le sede istituzionali a chi si rende protagonista di quella stessa violenza”.

Oggi un provvedimento analogo sarà presentato anche in consiglio comunale a Genova, ricorda Gianni Pastorino, consigliere di Rete a Sinistra: “Una maggioranza che non sa esprimere neanche un solo concetto sui rigurgiti fascisti che prendono piede sul territorio ligure – dichiara – decide di bloccare un odg che invece propone unità e risposte coese. Riteniamo che la politica debba dare risposte concrete: necessario togliere spazio sociale a chi fa propaganda nazifascista”.

“La Giunta Toti non perde occasione per mostrare il suo vero volto e rifiuta assurdamente di anticipare in aula il tema, importante e attualissimo, della cultura antifascista, messa a dura prova in questi giorni da ripetuti episodi di intolleranza ed estremismo – la posizione del M5S – per questa ragione abbiamo deciso di ritirare la maggior parte delle nostre iniziative d’aula, in modo da permettere di arrivare quanto prima all’ordine del giorno. Con la sua totale assenza di sensibilità sul tema, Toti presta il fianco politico al peggior fanatismo dell’ultradestra e contribuisce ad alimentare un clima di odio e di intolleranza”.