Case popolari

Terrorismo, task force Comune, Regione e Arte contro gli abusivi

Case popolari

Genova. Una task force operativa per vigilare sui casi di occupazione e abusivismo negli immobili gestiti da Arte.

Di questo si è discusso nel corso di un vertice che si è concluso ieri in serata a Palazzo Tursi, in cui è stato deciso che verrà creata una task force operativa per vigilare sui casi di occupazione e abusivismo negli immobili gestiti da Arte Genova, alla luce di quanto emerso dopo l’arresto del terrorista che aveva occupato abusivamente, insieme alla compagna, in un alloggio del Comune di Genova.

“A Genova la percentuale di appartamenti occupati illegalmente è molto bassa rispetto alla media nazionale, ma alla luce degli ultimi fatti di cronaca vogliamo rafforzare la sinergia tra Comune, Regione e Arte per ridurre ancora di più questo fenomeno e garantire maggiore sicurezza ai cittadini”, dichiarano congiuntamente gli assessori Marco Scajola e Francesca Fassio.

Nei prossimi giorni si svolgerà un ulteriore incontro nel corso del quale saranno definiti i provvedimenti che verranno adottati.

leggi anche
Benamir Nabil
L'indagine
Benamir, il “lupo solitario” inviato dall’Isis per addestrare estremisti a compiere attentati: “Ho un lavoro importante da fare”
Benamir Nabil
Benamir nabil
La ex del terrorista arrestato: “Era diventato taciturno e aveva nuovi amici”. In Procura un nuovo fascicolo per dare la caccia ai membri della cellula jihadista
cronaca
Over the web
Terrorismo, neutralizzato a Genova estremista dell’Isis
Benamir Nabil
Le indagini
Arrestato per terrorismo a Genova, Benamir non risponde al gip. Sarà trasferito in un carcere di massima sicurezza

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.