Quantcast
Pallanuoto

Serie A2, Chiavari affronta il Como. Oliva: “Abbiamo la voglia di rivincita”risultati

In panchina ci sarà Gigi Burlando: "Questa volta abbiamo l’obbligo di fare il risultato"

Gigi Burlando,Nicola Oliva

Chiavari. Esordisce nella panchina in casa Gigi Burlando, il secondo di Mangiante, che è squalificato. Responsabile del settore giovanile, una carriera vincente alle spalle nella pallanuoto ligure, siederà in panchina accanto al vicepresidente Zadra.

A lui, quindi, l’onore e l’onere di presentare l’ormai imminente Chiavari-Como. “Intanto rispetto alla prima partita ci sarà un po’ più di pressione per i ragazzi – dice Burlando -, perché questa volta abbiamo l’obbligo di fare il risultato. La squadra non è ancora al completo dal punto di vista organizzativo o della preparazione, ma anche dal punto di vista numerico, considerato che persistono parecchie assenze. Tuttavia lo spirito è ottimo. I ragazzi lavorano alacremente con l’allenatore Mangiante, con un’attività e un supporto tecnico di classe, ed io subentro in questo nuovo ruolo con grande umiltà ed entusiasmo, cercando di dare tutta la mia esperienza a questa causa”.

Loro sono una squadra molto fisica. Con quali tecniche cercherete di superare il Como? “Loro hanno determinate caratteristiche tecniche che noi conosciamo. Noi ne abbiamo altrettante. In più l’allenatore titolare, Mangiante, è un conoscitore molto, molto fine di pallanuoto. Abbiamo individuato quello che potrebbe essere il loro punto critico, poi sta ai ragazzi domani mettere in pratica quanto studiato a tavolino”.

Quando si potrà vendere una Chiavari nuoto in forma al 100%? “Effettuare delle previsioni, mi pare azzardato. Abbiamo un ritardo di preparazione, abbiamo squalificati, abbiamo infortunati. Diciamo – conclude l’allenatore in seconda – che la Chiavari Nuoto ce la metterà tutta per presentarsi in forma subito dopo Natale“.

Gli fa eco Nicola Oliva, detto “El matador”, centroboa di professione e capitano della squadra. “Abbiamo studiato qualche video del Como – afferma Oliva –. Sono una bella squadra, solida, entusiasta perché proviene da una promozione. Noi dalla nostra abbiamo la voglia di rivincita conseguente alla nostra non bella prestazione di Ancona. Le assenze che avremo non ci debbono condizionare o fornire alibi. Dovremo rimboccarci le maniche e dare battaglia da subito senza patemi d’animo“.

Il pubblico, l’anno scorso presente in grande copia all’inizio del torneo e poi assotigliatosi progressivamente, potrebbe tornare. Che cosa promettete voi per ottenere questo traguardo? “Quello del pubblico scarso è un problema non solo nostro, ma di mezza Italia pallanuotistica. Il pubblico arriva se vede partite combattute e l’impegno nostro. Noi possiamo promettere di mettercela tutta per invogliarlo a tornare numeroso come anni fa. Il problema in generale va comunque approfondito – conclude Oliva -, forse con un dibattito comune”.