Fuori dal coro

Sciopero del trasporto pubblico locale, Uil dice no: “Il tavolo di confronto è ancora aperto”

Sciopero Atp, bus davanti alla Prefettura

Genova. Ieri, in un incontro tra Regione Liguria, aziende Liguri di Tpl e sindacati, si sono affrontate le tematiche legate ai recuperi economici derivanti dalla prosecuzione dell’esodo agevolato del personale, evidenziando che tale provvedimento garantisce notevoli recuperi economici utili alle aziende per affrontare le procedure di affidamento del servizio cosi come previsto dalle normative nazionali ed europee.

I sindacati hanno chiesto alla Regione Liguria la costituzione di un tavolo che includa le stazioni appaltanti, oltre ai sindacati stessi, per accompagnare l’imminente processo per affidamento del servizio di Tpl Regionale e ulteriori finanziamenti finalizzati a sostenere tale processo.

La Regione, nella persona dell’assessore Berrino, si è impegnata in tempi rapidi a convocare un tavolo allargato per affrontare le problematiche esposte. Inoltre, per quanto riguarda l’ex fondino, in alcune aziende che non hanno ancora evaso tutte le richieste di pre-pensionamento, per effetto del blocco da parte della Corte dei Conti, è stato
dichiarato che sono in atto valutazioni su eventuali azioni e risorse economiche necessarie alla prosecuzione del provvedimento.

“Pertanto – dice Giuseppe Gulli, segretario regionale Uil Trasporti – a fronte del quadro delineato e in attesa delle dovute verifiche tra le parti, riteniamo opportuno continuare il confronto. La Uiltrasporti non aderirà allo sciopero previsto per il 16 dicembre”.

Più informazioni
leggi anche
autobus svizzeri man amt
Protesta
Uso del fondino, scontro tra Regione e aziende di trasporto pubblico locale: proclamate 4 ore di sciopero
Sciopero Atp, bus davanti alla Prefettura
Il commento
Sciopero del tpl, il gruppo Pd in Regione: “La giunta difenda il fondino”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.