La protesta

Sciopero Abb contro lo scorporo: lavoratori in strada, bloccata la rotonda di Sestri

Due ore di stop e manifestazione in strada: in ballo il futuro di 200 dipendenti

Genova. Sciopero questa mattina per i lavoratori dell’azienda Abb di Sestri ponente dopo la decisione della multinazionale svizzera di procedere allo scorporo di un proprio ramo d’azienda al gruppo saudita Arkad Engineering and Construction Co. specializzato nel settore OIL and GAS, attualmente privo di insediamenti produttivi in Italia e nel resto dell’Europa. La procedura coinvolge 200 lavoratori di cui una ventina genovesi. I lavoratori si sono dati appuntamento alle 7.45 davanti alla sede di via Albareto a Sestri ponente e sopportati da altre delegazioni a partire da quella dell’Ilva sono scesi in corteo fino alla rotonda di Sestri ponente. Lo sciopero si è poi concluso alle 9.45, ma non si escludono altre forme di agitazione dopo la pausa natalizia

“Nonostante le richieste delle Organizzazioni Sindacali di sospendere la procedura di cessione, per verificare insieme ai soggetti coinvolti la trasparenza e le prospettive di sviluppo di questa operazione, tale procedura è stata avviata e si è ormai conclusa a termini di legge – si legge nel comunicato che proclamava lo sciopero di questa mattina – l’azienda, pur presenziando agli incontri, continua a mantenere una posizione rigida e inflessibile, determinata a “chiudere” la faccenda entro fine anno. Questo comportamento è per noi inaccettabile. In ballo c’è il futuro di centinaia di lavoratori ABB e di molti altri lavoratori che, all’ombra della grande multinazionale, svolgono la propria attività presso le aziende dell’indotto”.