Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Quinto fa tre su tre e si prende il primo posto risultati

I biancorossi vincono a Bologna con un grande secondo quarto. Luccianti: "Finalmente siamo diventati cinici quando serve"

Terza vittoria consecutiva per lo Sporting Quinto che dopo aver battuto Como e Lavagna nelle prime due uscite stagionali, si impone ancora in trasferta a Bologna stavolta contro la President, in una sorta di primo scontro diretto, per quanto ci si trovi ancora alle prime battute della stagione. Significativo comunque il dato che permette alla sola squadra di coach Luccianti di restare sola al comando.

Partita che inizia sui binari dell’equilibrio con i biancorossi che manovrano bene la palla con azioni avvolgenti che trovano comunque gli emiliani reattivi in difesa e sanno rendersi pericolosi con alcuni blitz che non hanno fortuna. Tutto cambia nel secondo periodo con i liguri che spingono sull’acceleratore riuscendo sostanzialmente a decidere la gara con quattro reti siglate che abbattono il muro erto dai felsinei nel primo quarto.

Apre le marcature Percoco che si vede ribattere la prima conclusione, ma è reattivo nel ribadire in rete la sfera. Bologna trema, e arrivano le reti anche di Brambilla, Gavazzi e Boero che ad una manciata di secondi dalla fine del quarto infila Mugelli per il poker genovese.

La President tenta di rientrare, ma Amelio sostanzialmente spegne le speranze dei bolognesi con il gol dello 0-5. Merito ai padroni di casa comunque di continuare a giocare e finalmente arrivano al gol con una bella doppietta di Cocchi. Si tratta, però di azioni isolate che la calottina numero 11 felsinea, inventa senza una manovra articolata. Quinto gestisce il vantaggio e nell’ultimo periodo, nonostante l’espulsione di Luccianti, tiene bene all’assalto finale dei locali che segnano con Tonkovic, ma non riescono più a rientrare in gara.

Soddisfatto della prestazione Gabriele Luccianti, allenatore ligure: “Abbiamo avuto qualche occasione nel primo tempo in controfuga, poi siamo usciti nel secondo diventando cinici al momento giusto. Poi loro hanno trovato due invenzioni, ma devo applaudire i ragazzi perché nonostante la mia ingenuità nel farmi allontanare, hanno saputo gestirsi benissimo – dice il coach, che poi fa mea culpa sull’espulsioneDevo migliorare da questo punto di vista, probabilmente non avere allenato nelle giovanili come tanti altri colleghi, mi penalizza un po’. Vedere da lontano i ragazzi senza poter incidere non mi piace”.

Per Quinto ora un po’ di riposo in vista dell’impegno di sabato prossimo in casa contro i sardi della Promogest.