Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Meno reati ma più arresti e operazioni di rilievo”, il bilancio di fine anno del questore Bracco

Dall'operazione antidroga della Mobile all'arresto del terrorista da parte della Digos all'attività accanto ai cittadini delle volanti: i fatti salienti del 2017

Genova. “Nell’anno che sta per finire a Genova abbiamo registrato meno reati, scesi dell’8%, ma un incremento del 7-8% degli arresti, quindi il bilancio è per noi più che positivo”. Lo ha detto oggi il questore di Genova Sergio Bracco nell’incontro di fine anno con i giornalisti che si è svolto in questura alla presenza del dirigente delle volanti Alessandra Bucci.

“La nostra soddisfazione più grande è però rendersi utile ai cittadini, come è accaduto ieri per due volte. In un’occasione salvando una bambina da un incendio e poi salvando un aspirante suicida che voleva togliersi la vita in mare”. Bracco ha poi ricordato come fra le indagini più importanti dell’anno ci siano due inchieste concluse di recente: quella che ha permesso di fermare una ventina di spacciatori grazie all’arresto “ritardato”, una soluzione giuridica concordata con la procura, e l’arresto del terrorista marocchino di Genova che stava progettando un attentato.

Il questore si è detto molto soddisfatto dell’operato di tutti i suoi uomini in un anno di lavoro molto complesso “con tanti servizi di ordine pubblico per le fabbriche in crisi, la visita del Santo Padre, le iniziative di estrema destra e le relative manifestazioni degli antagonisti e le partite di calcio, che forse in nessuna provincia d’Italia impegnano così tanto visto che abbiamo due squadre in A come Genoa e Samp e una in B, l’Entella di Chiavari”.

Il primo dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e delle Volanti Alessandra Bucci ha poi sottolineato la drammaticità dell’intervento che ieri ha permesso agli agenti di salvare un bambina che rischiava di morire nell’incendio di casa dove ha perso la vita il padre. “La bambina era rinchiusa, prigioniera, nella propria casa, una situazione disperata tanto che parlando al telefono con la madre le aveva detto ‘io muoio’. Poi però gli agenti sono riusciti scavalcare un cancello e salvarla raggiungendola dopo pochi minuti”. Alessandra Bucci ha ricordato anche il soccorso di un poliziotto dell’Ufficio Immigrazione fuori servizio capace di raggiungere e salvare in mare un uomo che stava facendosi trascinare al largo a bordo di un materassino.