Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’Entella agguanta il pari nel finale: prosegue la serie positiva risultati fotogallery

Ad Ascoli termina 1 a 1: la punizione vincente di Aramu permette ai biancocelesti di centrare il sesto risultato utile consecutivo

Più informazioni su

Chiavari. Un gol in apertura ed uno in chiusura. Nel mezzo più Entella che Ascoli, ma per com’è maturato il risultato, il pareggio odierno può star bene ai chiavaresi.

Infatti i bianconeri hanno sbloccato il risultato dopo un paio di minuti e qualche secondo, approfittando di una disattenzione difensiva dei liguri. Poi i biancocelesti hanno premuto alla ricerca del pari, in particolare nel primo tempo, colpendo pure una traversa. Il gol del definitivo 1 a 1 è arrivato ad un minuto dal novantesimo, ad opera di Aramu, da poco entrato.

L’Ascoli non vince dal 24 ottobre, quando prevalse per 3 a 1 sul Cittadella, giorno in cui l’Entella, pareggiando in casa con la Cremonese, viveva la terza tappa della sua serie di incontri di astinenza dal successo, durata otto turni ed interrotta domenica scorsa con il successo sul Bari.

I bianconeri si sono illusi a lungo di poter portare tornare a riassaporare i 3 punti, ma alla fine hanno dovuto fare i conti con la determinazione dell’Entella, che ha portato a sei la sua serie di risultati utili consecutivi: cinque pareggi ed una vittoria.

La cronaca. Bianconeri in campo con il 3-5-2 con Lanni; Padella, Mengoni, Gigliotti; Mogos, Buzzegoli, Addae, Clemenza, Pinto; Lores Valera, Perez.

A disposizione dell’allenatore Serse Cosmi ci sono Venditti, Ragni, I. De Santis, Carpani, De Feo, Castellano, Cinaglia, Florio, Baldini.

Alfredo Aglietti risponde con un 4-3-3 con Iacobucci; Belli, Benedetti, Pellizzer, Brivio; Eramo, Troiano, Crimi; De Luca, La Mantia, Diaw.

Le riserve sono Paroni, Massolo, E. De Santis, Palermo, Ardizzone, Cleur, Di Paola, Petrovic, Currarino, Baraye, Aramu.

Dirige la partita Marco Piccinini della sezione Aia di Forlì, coadiuvato da Edoardo Raspollini (Livorno) e Domenico Rocca (Vibo Valentia); quarto uomo Antonio Di Martino (Teramo). I padroni di casa giocano in tenuta nera; liguri in divisa biancoceleste.

Il primo tentativo, al 2°, è di Buzzegoli: il suo sinistro termina altissimo. Al 3° l’Ascoli passa in vantaggio: Troiano non controlla in area, il pallone viene recuperato da Clemenza che evita Benedetti e batte Iacobucci da pochi passi.

Subito il gol, l’Entella si getta in attacco. I biancocelesti, però, non creano occasioni degne di nota fino all’11°, quando un colpo di testa di La Mantia termina alto. Un minuto più tardi un tiro di De Luca da fuori area non crea problemi a Lanni.

Al 13° i chiavaresi vanno vicini al pareggio: discesa di Diaw che fa una cinquantina di metri palla al piede e mette al centro un pallone respinto dalla difesa, ripreso da Crimi che calcia subito ma colpisce la traversa.

Al 17° Diaw prova il colpo di testa ma non trova la porta. L’Ascoli torna a farsi vivo al 18° con una punizione messa in mezzo che Iacobucci fa sua in presa.

Al 20° grossa occasione per La Mantia su splendido invito di Diaw: il centravanti arriva in ritardo di un soffio davanti a Lanni e la sua deviazione termina a lato.

Ancora Entella in attacco, al 23°: cross perfetto di De Luca per Diaw sul secondo palo ma anche in questo caso il giocatore chiavarese arriva con una frazione di secondo di ritardo, toccando il pallone ma senza riuscire ad indirizzarlo verso la porta.

Lores Valera, che tre minuti prima si era fatto male commettendo un fallo, al 32° lascia il posto a Baldini. Poco dopo Eramo riceve a rimorchio un bel pallone da Belli ma, pur essendo libero, calcia male e alza la traiettoria.

La squadra ospite calcia due corner nel giro di pochi minuti, ma non riesce ad andare al tiro. La partita appare in mano all’Entella, che dal momento della rete subita ha sempre premuto verso la metà campo ascolana, senza però trovare la via del gol.

Ascoli sfortunato: dopo l’infortunio di Lores Varela, al 42° anche Mengoni lascia il campo dopo uno scontro fortuito in area di rigore. Al suo posto entra Ivan De Santis.

Considerato il tempo trascorso per gli infortuni, l’arbitro fa recuperare cinque minuti. In questo frangente si annota solamente un calcio d’angolo per i locali.

In avvio di secondo tempo le due squadre faticano superare la trequarti avversaria. Al 7° viene ammonito La Mantia per un fallo su De Santis.

All’8° l’Ascoli si rende pericoloso: cross di Mogos, Perez non arriva per un soffio alla deviazione vincente. All’11° una botta di Clemenza dal limite dell’area esce di poco.

Aglietti effettua la prima sostituzione al 12°, inserendo Di Paola al posto di Troiano. Al 14° azione prolungata sulla sinistra dell’Entella, terminata con un destro a giro di De Luca che esce a lato.

Al 18° Crimi viene ammonito per simulazione. Un paio di minuti più tardi scorrettezze reciproche tra Lanni e De Luca ed entrambi si vedono mostrare il cartellino giallo.

L’Entella torna a farsi avanti al 25°: Brivio scocca il sinistro, Lanni respinge e Diaw per poco non ci arriva, ma la difesa locale allontana.

Al 27° entra Aramu al posto di Crimi. Al 31° palla d’oro di Brivio a centro area, dove Aramu e Diaw si ostacolano a vicenda e ne esce una conclusione del primo, debole e a lato.

Al 34° i due tecnici esauriscono le sostituzioni con un cambio per parte: tra i locali entra Santini per Perez; tra i biancocelesti dentro Michele Currarino, al suo esordio in B, al posto di Diaw.

Quando il forcing finale degli ospiti pareva ormai spegnersi, ecco al 44° la punizione decisiva. La calcia Mattia Aramu che da destra calibra un sinistro con il contagiri e batte Lanni infilando la sfera nell’angolino alla sua destra.

Il direttore di gara fa recuperare quattro minuti, ma le due squadre non hanno più la forza per farsi male. Si annota solamente un’uscita di Lanni con i pugni per respingere una punizione messa in mezzo da Aramu.

In classifica la Virtus Entella fa parte del gruppone che occupa la quattordicesima posizione con 21 punti, composto da ben cinque squadre. La graduatoria resta cortissima e al termine del campionato mancano ancora 24 giornate.