Quantcast
Le indagini

Blitz dei naziskin nel centro pro migranti a Como: identificati anche due genovesi

Riconosciuti dal logo 'Genova fronte skinhead' sul bomber. Vivono nell'entroterra

Bruco, il degrado del fratello minore

Genova. Ci sono anche due militanti di estrema destra residenti in provincia di Genova tra i componenti del gruppo di naziskin che martedì sera a Como hanno interrotto una riunione della rete solidale Como senza frontiere per leggere un loro proclama.

I due sono stati identificati dalla Digos genovese: non sono nati a Genova ma risiederebbero nell’entroterra ed erano già noti per il loro attivismo nell’estrema destra. Come si vede nelle immagini hanno cucito sul bomber il logo ‘Genova Fronte Skinhead’.

Altri membri del gruppo sono stati identificati grazie alla collaborazione delle Digos di Piacenza e Lodi e Vicenza. Sono stati tutti e 13 denunciati per violenza privata.

Il ministro Minniti oggi a Genova, visitando l’istituto ligure di storia della Resistenza aveva detto che “nella nostra democrazia non c’e’ spazio per coloro che vogliono imporsi con le intimidazioni e con la violenza”.

Più informazioni
leggi anche
Bruco, il degrado del fratello minore
Neofascismo
Irruzione naziskin a Como, Minniti: “Nessuno spazio a chi si impone con intimidazioni o violenza”
Cardinal Angelo Bagnasco
Il commento
Neonazisti, parla il cardinal Bagnasco: “L’Italia non è malata di estremismi, ma il fenomeno non va ignorato”
Bruco, il degrado del fratello minore
L'indagine
Blitz naziskin a Como, a Genova sequestrati cellulari e vestiti
manifestazione como
Sabato
Anche “Genova Solidale” a Como per la manifestazione antifascista dopo il blitz naziskin