Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa ancora a secco di vittorie in casa, l’Atalanta di Gasperini sorride risultati fotogallery

La rete dell'ex Masiello condanna i rossoblù, non basta il ritorno al gol di Bertolacci

Genova. Il Genoa dura un tempo prima di soccombere a un’Atalanta che ha saputo trasformarsi, sfruttando il vantaggio psicologico di aver pareggiato i conti poco prima della fine del primo tempo. La prima vittoria casalinga per i rossoblù resta ancora un miraggio, in attesa del Benevento prima di Natale. Finisce 1-2 con il gol decisivo dell’ex Masiello, che consegna ai suoi la prima vittoria esterna.

Applausi per Gasperini al suo ingresso in campo, con il mister di Grugliasco che ricambia e saluta sorridendo. Ballardini schiera gli undici che ormai sembrano destinati a essere i titolari di questa nuova gestione rossoblù, confermando Pandev e Taarabt in attacco. Sono proprio loro a confezionare l’azione che porta in vantaggio il Genoa al 5′: Pandev se la cava alla grande nello stretto, appoggio per Taarabt che vede Bertolacci libero al limite dell’area, il sinistro del centrocampista non lascia scampo a Berisha: 1-0.

Sulle ali dell’entusiasmo, il Genoa esprime un ottimo palleggio, sin troppo sicuro delle proprie azioni, così da un brutto controllo di Rosi arriva l’azione che porterà l’Atalanta a colpire la traversa con un gran destro al volo di Freuler (15′). Se i rossoblù mantengono in questa fase della partita un sostanziale controllo del possesso palla, è l’Atalanta a farsi più pericolosa: al 26′ Perin è super nel negare il pareggio, respingendo il colpo di testa di Toloi (26′).

Gasperini non è soddisfatto e rova a invertire la posizione di Ilicic con Gomez, che va a destra. Il Genoa compie l’errore di arretrare il baricentro, l’Atalanta ne approfitta, interrompe il gioco avversario con diversi falli e raggiunge l’obiettivo, pareggiando allo scadere del primo tempo con Ilicic, un destro in diagonale che non lascia scampo a Perin. Doveri convalida ricorrendo al var dopo una protesta del Genoa per un presunto fallo su Zukanovic in partenza.

Tracollo nel secondo tempo

Nella ripresa il Genoa avrebbe anche l’occasione per tornare in vantaggio, ancora dopo cinque minuti, ma Pandev sbaglia l’impossibile, colpendo Berisha in uscita (più facile far gol) e poi non riuscendo a ribadire in rete la corta respinta. La legge del pallone è spietata e l’Atalanta passa in vantaggio al 52′ con Masiello, che è il più lesto di tutti a buttarsi di testa su un pallone vagante in area di rigore dopo una punizione di Ilicic, Rigoni, colpevole, se lo dimentica, lasciandolo agire indisturbato.

Entra Lapadula al posto di un impalpabile Laxalt, a far da riferimento centrale, proprio lui un minuto dopo, non arriva per un soffio alla deviazione decisiva sull’assist basso di Taarabt (68′).

Il Genoa sembra aver finito la benzina, mentre l’Atalanta gestisce senza troppi patemi, alla mezz’ora gli ospiti sfiorano ancora il gol con un colpo di testa di Palomino, su cui Perin è ancora bravissimo. Gli sbandamenti della difesa (anche a livello di posizionamento), causati anche da un centrocampo non più brillante nelle coperture, inducono Ballardini a escogitare un cambio: Omeonga per Pandev. È lui a respingere col piede un tiro a botta sicura di Papu Gomez in area di rigore.

Le azioni del Genoa si fanno più rade e confusionarie, l’unica occasione degna di cronaca è il colpo di testa di Lapadula, che devia spalle alla porta un cross di Rosi all’87’, sorprendendo Berisha sul secondo palo, ma non inquadrando lo specchio. La scarsa lucidità di Zukanovic, che non è una punta, nel girare direttamente con la testa una palla invitante invece che stopparla e scaricare in porta, completa il quadro di questo secondo tempo insufficiente.

Genoa-Atalanta 1-2

Reti: 5′ Bertolacci; 45′ Ilicic; 52′ Masiello

Genoa: Perin, Izzo, Spolli, Zukanovic, Rosi, Rigoni (84′ Ricci), Veloso, Bertolacci, Laxalt (67′ Lapadula), Pandev (77′ Omeonga), Taarabt.

A disposizione: Lamanna, Zima, Gentiletti, Cofie, Lapadula, Rossettini, Biraschi, Galabinov, Migliore, Lazovic.

Allenatore: Ballardini

Atalanta: Berisha, Toloi (50′ Palomino), Caldara, Masiello, Hateboer, Cristante, Freuler, Spinazzola, Ilicic (71′ Cornelius), Gomez, Petagna (54′ De Roon).

A disposizione: Gollini, Rossi, Orsolini, Gosens, Vido, Castagne, Kurtic, Mancini, Schmidt.

Allenatore: Gasperini.

Arbitro: Doveri di Roma

Ammoniti: Izzo, Padev (G); Masiello, De Roon (A)

Spettatori: paganti 704, incasso 15.561, 17.577 abbonati, 173.875 euro la quota gara .