Ok all'aumento

Carige: impegno da Intesa, Unipol e Generali per 40 milioni di euro

La sottoscrizione avverrà attraverso una conversione parziale dei bond senior

Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città

Genova. Intesa, Generali e Unipol si sono impegnate a sottoscrivere la tranche riservata dell’aumento di Carige per complessivi 40 milioni di euro. Lo si apprende in ambienti finanziari.

La sottoscrizione avverrà attraverso una conversione parziale dei bond senior di cui Intesa, Generali e Unipol sono entrati in possesso in seguito all’adesione al liability exercise management (Lme), cioè all’operazione di conversione dei bond subordinati in bond senior, parte della manovra di rafforzamento patrimoniale da oltre un miliardo.

Più informazioni
leggi anche
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Finanza
Carige è ancora la banca dei genovesi? Cedendo i diritti di opzione gli azionisti storici si fanno da parte
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Finanza
Carige, oggi ultimo giorno per esercitare o cedere i diritti: al momento l’80% è stato venduto
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Al lavoro
Carige, Creditis spa, la cessione si avvicina. Individuata shortlist di due acquirenti. Proseguono trattative
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Finanza
Carige, c’è tempo fino a domani per l’aumento di capitale, Creditis andrà a Chenavari
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Finanza
Carige, il giorno della verità: oggi si chiude la partita dell’aumento di capitale
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
I numeri
Carige, l’aumento di capitale sottoscritto per meno del 70%

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.